Tiscali.it
SEGUICI

L’operazione antimafia in Sardegna all’origine delle indagini che hanno portato alla cattura di Graziano Mesina

I covi, i trasferimenti e la cattura, l'unione Sarda ha pubblicato alcuni stralci delle intercettazioni che hanno facilitato l'arresto dell’ex latitante sparito a luglio del 2020 dopo che era diventata definitiva la condanna a 24 anni

TiscaliNews   
Graziano Mesina
Graziano Mesina (Foto Ansa)

Tra le persone arrestate nell’ambito dell'operazione del Ros sugli intrecci tra associazioni criminali e istituzioni in Sardegna, spicca il nipote dell'ex Primula rossa del banditismo sardo, Tonino Crissantu, insieme ad altri personaggi della criminalità orgolese, già vicini all'Anonima sequestri. Un grosso aiuto alle indagini è arrivato dalle intercettazioni delle conversazioni tra il primario di Cagliari Tommaso Gerolamo Cocco, Crissantu e Nicolò Cossu (noto Cioccolato). Le informazioni recuperate in tal modo hanno hanno consentito agli inquirenti di individuare la zona in cui si rifugiava il latitante fino ad arrivare alla cattura.

Mesina nascosto nel cofano

L’Unione Sarda ha pubblicato alcuni stralci delle intercettazioni che hanno facilitato la cattura dell’ex latitante sparito a luglio del 2020 dopo che era diventata definitiva la condanna a 24 anni "Aspetta, aspetta Ma... mi hai fracassato le ossa". A parlare è Graziano Mesina che nel primo pomeriggio del 16 novembre del 2021 esce dal cofano dell’auto condotta da Mario Floris, incaricato del trasferimento del latitante dal luogo dove si era nascosto nelle campagne di Bono a Desulo, dove poi sarà catturato nella notte tra il 17 e iol 18 dicembre

I covi, i trasferimenti e la cattura

I carabinieri erano certi di aver agganciato Mesina grazie agli indizi lasciati da Nicolò Cossu e dal nipote del bandito, Tonino Crissantu, ritenuti dagli investigatori coloro che hanno organizzato e gestito in tutti quei mesi la fuga dell’ex Primula rossa del Supramonte. Uno dei covi individuati è l’ovile di Bono condotto da Antonio Fadda, dal quale Mesina viene trasferito il 16 dicembre per arrivare a Desulo. Il prelievo e il trasferimento è di mattina, Floris è insieme a Marteddu. Da quel momento l’ex Primula rossa viene affidata ai desulesi. Il primo covo è in una casa di via Roma di Giuseppe Paolo Frongia, dove Mesina rimane sino al 14 dicembre. A casa di Antioco Gioi e Basilia Puddu, dove Mesina sarà arrestato, ci arriva solo quattro giorni prima del blitz, aiutato da Raffaele, Anna e Salvatore Gioi.

Un bandito “guardia del corpo” dell’assessora

L’associazione di stampo mafioso smantellata dal Ros oltre a organizzare la latitanza di Grazianeddu ha offerto anche una sorta di "servizio d'ordine", in occasione di una manifestazione della Coldiretti, in piazza a Cagliari, rispetto alla quale l'allora assessora dell'Agricoltura Gabriella Murgia - temeva contestazioni: "Puoi immaginare… con questi… animali", si legge nelle intercettazioni. L'ordinanza rileva che "si tratta di una 'protezione' rivolta ad una carica istituzionale non dalle forze dell'ordine ma da un soggetto pluripregiudicato”.

Il ruolo del dirigente medico

Il nome del medico spunta più volte all'interno delle 407 pagine di ordinanza di custodia cautelare. Era lui che organizzava gli incontri all'interno dell'ospedale Binaghi, anche in tempo di restrizioni per la pandemia. "Le intercettazioni hanno documentato - si legge nell'ordinanza - i suoi strettissimi lega mi con gli altri indagati Nicolò Cossu e Tonino Crissantu (nipote di Graziano Mesina) ma anche con l'orgolese Giovanni Antonio Mesina noto "Toroneddu" e Giovanni Mercurio: è lui a promuovere e favorire i contatti con esponenti del mondo della politica, ambiente ove egli è persona ben introdotta". E indica come contati il nome dell'ex assessora Murgia "e il consigliere regionale Giovanni Satta". Il Gip poi spiega che "dalle attività intercettive, e per sua stessa ammissione, risulta che egli apparterrebbe all'Obbedienza Massonica del Grande Oriente d'Italia", confessando al telefono che "tra fratelli ci si aiuta e molte volte ci si aiuta anche attraverso degli affari illeciti ok?".

 

TiscaliNews   
I più recenti
Ok Consob a prospetto informativo aumento capitale Fincantieri
Ok Consob a prospetto informativo aumento capitale Fincantieri
Incendio sulla collina dei Camaldoli a Napoli
Incendio sulla collina dei Camaldoli a Napoli
'E' posseduto da un demone', uomo tiene il figlio al guinzaglio
'E' posseduto da un demone', uomo tiene il figlio al guinzaglio
Canoista disperso nel Po nel Parmense, ricerche in corso
Canoista disperso nel Po nel Parmense, ricerche in corso
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...