Indagati 15 ultrà del Genoa per estorsioni a presidente Preziosi

Indagati 15 ultrà del Genoa per estorsioni a presidente Preziosi
di Askanews

Genova, 4 giu. (askanews) - Una quindicina di ultrà del Genoa sono indagati a vario titolo dalla Procura di Genova per associazione a delinquere, estorsione, violenza privata e intestazione fittizia di società. Nel mirino della Procura del capoluogo ligure, che in queste ore sta inviando gli avvisi di garanzia, è finita in particolare la Brigata Speloncia, una delle frange più calde della tifoseria organizzata rossoblù.Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il gruppo avrebbe estorto denaro e altre utilità al presidente Enrico Preziosi, in cambio della "pace" con la tifoseria organizzata. Le indagini, che si riferiscono al periodo dal 2005 ad oggi, riguardano anche la clamorosa protesta durante la partita Genoa-Siena del 2012, quando gli ultrà fecero sospendere il match e costrinsero i giocatori a togliersi la maglia perché considerati "indegni" di indossarla.