Tiscali.it
SEGUICI

Chi è stato più bravo a vaccinare? Uno sguardo a Italia, Germania, Francia, Regno Unito e Stati Uniti

Per capire come stiano le cose basta guardare i dati, ampiamente disponibili, con alcune cautele però. Fuoriclasse e gruppo di coda

Alessandro Spaventadi Alessandro Spaventa   
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella consegna l'insegna dell'Ordine Militare d'Italia al Generale di Divisione Francesco Paolo Figliuolo (Foto Ansa)
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella consegna l'insegna dell'Ordine Militare d'Italia al Generale di Divisione Francesco Paolo Figliuolo (Foto Ansa)

Il cambio della guardia al governo con la nomina del nuovo commissario, il generale Francesco Paolo Figliuolo, l’annuncio del nuovo piano vaccinale e infine la vicenda Astrazeneca hanno riportato l’attenzione sulla campagna per immunizzare gli italiani il prima possibile. Ma come siamo andati finora? Siamo stati veramente così lenti? Francia e Germania, in cui si dice che vi sia una resistenza diffusa alla vaccinazione sono andate meglio o peggio? E il Regno Unito è stato veramente così bravo

Diamo un’occhiata ai dati

Per capire come stiano le cose basta guardare i dati, ampiamente disponibili, con alcune cautele però. La prima è prendere il numero di prime e seconde dosi fatte dopo a distanza dello stesso numero di giorni dalla campagna vaccinale. Il Regno Unito infatti è partito prima di tutti il 13 dicembre dello scorso anno, gli Stati Uniti il 20 dicembre e i Paesi dell’Unione il 27 dicembre, anche se l’andamento nei primi giorni è stato diverso, con Germania con il vento in poppa, Italia in accelerazione e Francia assai a rilento. La seconda è naturalmente quella di rapportare il tutto alla popolazione non considerando la parte più giovane, quella fino ai 14 anni. 

Fuoriclasse e gruppo di coda

Cosa ne vien fuori? Più o meno quel ci si aspettava. Quasi. Il Regno Unito è stato il paese più veloce ed efficace nel somministrare dosi di vaccino, 382 ogni mille abitanti di età superiore ai 14 anni. Seguono gli Stati Uniti con 341 dosi per mille abitanti e poi Francia, Germania e Italia con valori simili, rispettivamente 140, 134 e 131 dosi somministrate ogni mille abitanti con 15 anni e oltre.

Ma se guardiamo ai vaccinati le cose cambiano

Le cose cambiano tuttavia se si passa alle persone che hanno ricevuto entrambe le dosi e sono quindi pienamente vaccinate. Il Regno Unito passa in coda, con soli 15 vaccinati per mille abitanti. Gli Stati Uniti sono in testa, con 117 vaccinati, mentre Francia, Germania e Italia si attestano rispettivamente a 42, 41 e 39.

E quindi?

Che lettura dare? Il primo e più ovvio elemento che emerge è che i paesi che ospitano le aziende che producono vaccini e che hanno contribuito finanziariamente alla loro messa a punto vaccinano di più. Ciò vale per gli Stati Uniti e Moderna da un lato, e per il Regno Unito e Astrazeneca dall’altro. Non vale per Pfizer che è in linea con il piano di forniture ai paesi UE e le cui forniture al Regno Unito potrebbero invece essere a rischio per il mese di aprile. Il secondo elemento, noto anche quello, ma che numeri alla mano risalta ancor di più, è la differente strategia seguita dal Regno Unito: prime dosi subito a tutti e seconde dosi con calma. Una linea che sembrerebbe avere la sua efficacia, ma sulla quel è ancora difficile trarre conclusioni poiché si intreccia con un lungo lockdown che dura da Natale e dal quale il paese sta uscendo solo ora.

Chi si vaccina prima si riprende prima

Francia, Germania e Italia, nonostante tutte le loro differenze, sembrano accumunate dallo stesso destino, o almeno dalla stessa capacità di distribuire e somministrare vaccini. E se le cose continuano così ci vorranno parecchi mesi per giungere al traguardo. Il che vuol dire che mentre l’economia degli Stati Uniti si avvierà a girare a pieno regime e quella del Regno Unito sarà in ripresa, quella dell’Unione Europea starà ancora cercando di attutire il colpo o al massimo starà registrando i primi segni di recupero. Si parla molto di geopolitica dei vaccini, questo ne è un aspetto, forse assai più rilevante dei tentativi russi e cinesi di utilizzare Sputink V, e i preparati di Sinopharm e Sinovac per i loro interessi.

Alessandro Spaventadi Alessandro Spaventa   
I più recenti
Strage Georgofili, commemorate a Firenze vittime dell'attentato
Strage Georgofili, commemorate a Firenze vittime dell'attentato
Giani: No all'Autonomia differenziata, si' all'Autonomia equa e solidale
Giani: No all'Autonomia differenziata, si' all'Autonomia equa e solidale
Gualtieri, 'ormai connubio vincente tra Roma e il Giro'
Gualtieri, 'ormai connubio vincente tra Roma e il Giro'
Fugatti: Modello Governo Autonomie regionali visto come punto di riferimento
Fugatti: Modello Governo Autonomie regionali visto come punto di riferimento
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...