Green pass obbligatorio da lunedì per viaggi, spettacoli e sport. Ma niente zona gialla per tutta l’estate

Il documento condiviso dai presidenti delle regioni prevede la certificazione verde per i grandi eventi sportivi e di spettacolo, le discoteche, le fiere e i congressi. Prorogato lo stato di emergenza

Green pass (Foto Ansa)
Green pass (Foto Ansa)
TiscaliNews

Domani il governo Draghi dovrebbe dire sì al decreto che impone anche in zona bianca di esibire il green pass per spettacoli, viaggi e sport. Stando a quanto si legge sul Corriere della Sera continua invece la discussione per quanto concerne i ristoranti al chiuso, a proposito dei quali sembrerebbe prevalere una linea soft con la previsione di una richiesta di pass “leggero” rilasciato a chi abbia fatto almeno una dose di vaccino, o un tampone negativo nelle 48 ore precedenti.

Sarebbero queste le condizioni per lasciare tutto il Paese in zona bianca in estate.

La variante delta

Intanto preoccupa la variante Delta che continua a far aumentare i contagi. Aumentano anche i vaccinati, ma – riporta il giornale – in maniera molto lenta. Il governo sarebbe orientato per questo a consentire gli ingressi nei luoghi affollati solo a chi risulti immunizzato o guarito o abbia fatto un tampone risultato negativo. Il decreto sarà comunque approvato domani ed entrerà in vigore il 26 luglio.

La situazione

Ma qual è la situazione? I dati dell’ISS dicono – spiega il Corriere – che con i parametri attuali certe regioni sarebbero destinate a tornare in zona gialla da venerdì. Il Lazio sarebbe tra queste, perché supera i 50 casi settimanali su 100mila abitanti. Ma questo sistema è destinato a cambiare. Conteranno infatti e soprattutto i numeri dei ricoverati in area medica e in terapia intensiva.

Pare che l’esecutivo pensi a una percentuale del 5% per le terapie intensive e del 10% per i reparti medici. Invece la richiesta delle regioni è di salire al 20 e al 30 %.

La decisione su queste questioni verrà comunque demandata alla cabina di regia.

Green pass obbligatorio

Il documento condiviso dai presidenti delle regioni prevede la certificazione verde per i grandi eventi sportivi e di spettacolo, le discoteche, le fiere e i congressi. “È il via libera atteso dal governo – scrive il Corriere - che oggi inserirà nell’elenco anche i treni a lunga percorrenza, gli aerei e le navi. Servirà il certificato pure per i ristoranti al chiuso, ma – come si diceva - è probabile che basterà soltanto la prima dose di vaccino”.

Cinema e teatri

Al cinema e al teatro bisognerà presentare la carta verde all’ingresso, ma non sarà indispensabile occupare i posti alternati e le sale potranno essere riempite.

Stato di emergenza

Lo stato di emergenza verrà prorogato oltre il 31 luglio, quindi potrà continuare lo smart working. Probabilmente si arriverà al 31 dicembre.