Tiscali.it
SEGUICI

Giornata dell'Oftalmologia, SOI: fare di più per la salute visiva

di Askanews   
Loading...
Codice da incorporare:

Milano, 22 mar. (askanews) - In occasione della Giornata nazionale dell'Oftalmologia del 22 marzo, la Socie Oftalmologica Italiana, per bocca del suo presidente Matteo Piovella, rinnova le proprie considerazioni sulla situazione della cura della vista nel nostro Paese, che presenta grandi prospettive, ma anche elementi di difficoltà. "Le cose sono note - ha detto ad askanews - abbiamo grandi potenzialità e potremmo assistere un grande numero di persone, ma abbiamo delle difficoltà di organizzazione e di tipo logistico. C'è una vera rivoluzione nella chirurgia della cataratta che oggi incredibilmente riesce a eliminare ogni tipo di difetto visivo, sia da lontano, sia da vicino. Ma questo, siccome strutturalmente è complicato, non è un servizio usufruibile nel Sistema Sanitario nazionale e questo è molto penalizzante".

Il dottor Piovella, poi si rivolge direttamente al ministro della Salute: "SOI è riconoscente al ministero e al ministro della Salute Orazio Schillaci, perché ha capito perfettamente il problema, ma anche lui ammette che questa difficoltà di un informare tra le regioni quello che è necessario fare è veramente qualcosa che sembra un ostacolo insormontabile. Incredibilmente quella che tutti pensano sia la regione più virtuosa e come la Lombardia ha delle difficoltà organizzative dovute a una alta burocrazia e a una scarsa competenza".In Lombardia in particolare per SOI il problema è legato alla decisione di non prevedere più la figura dell'anestesista negli interventi per la cataratta. "Oggi l'intervento di cataratta, che è estremamente utilizzato, con 650mila interventi ogni anno, è considerato dai pazienti un interventi sicuro, con la certezza di un miglioramento. Se noi non sosteniamo il grosso problema di ridurre a zero il rischio di complicazioni questo si vanifica per tutto. La presenza dell'anestesista permette al paziente di essere operato senza dolore, senza fastidio, in assoluta sicurezza".Sicurezza che deriva anche dallo svolgere periodicamente le visite di controllo, secondo un calendario che la Società ricorda una volta di più: "È molto semplice - ha concluso il dottor Piovella - bisogna fare una visita oculistica alla nascita, una entro i tre anni, il primo giorno di scuola, dagli 8 ai 14 anni, per contenere la miopia che sta diventando epidemica, poi si fa un salto a 40 anni e fino a 60 anni ogni due anni. Dopo i 60 anni una volta l'anno. È un'assicurazione che permette a tutti di vedere bene. Ricordo anche che da qui a 10 anni è previsto il raddoppio delle persone cieche, proprio perché non si riesce a ottemperare a questa organizzazione virtuosa".

di Askanews   
I più recenti
Blitz anti-spaccio a Roma, sgomberate le ex officine Romanazzi
Blitz anti-spaccio a Roma, sgomberate le ex officine Romanazzi
Papa contro i gay nei seminari, duro attacco parlando ai vescovi
Papa contro i gay nei seminari, duro attacco parlando ai vescovi
Gualtieri e Pogacar, un murales sul Giro in stazione metro Roma
Gualtieri e Pogacar, un murales sul Giro in stazione metro Roma
Seminari aperti ai gay, la frase del Papa: “No, c’è già troppa frociaggine”
Seminari aperti ai gay, la frase del Papa: “No, c’è già troppa frociaggine”
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...