Giachetti: Bordin ci ha lasciato, non ci lasci Radio radicale

di Askanews

Roma, 17 apr. (askanews) - "Non avrei mai immaginato di prendere la parola per annunciare la morte di Massimo Bordin"; commosso, Roberto Giachetti ha ricordato l'amico e il compagno di strada scomparso a 67 anni. "Massimo Bordin" ha detto il deputato PD, "non solo è stato mio amico fraterno e mio direttore a Radio Radicale, ma il modello di giornalismo. Non solo un giornalista ma una persona che informava e formava, un uomo di intelligenza superiore, cultura, ironia raffinata, punto di riferimento per tutti coloro che la mattina hanno avuto la fortuna di ascoltarlo".Un lungo ricordo di cui proponiamo alcuni stralci: "Massimo Bordin ha voluto tenere riservata la sua malattia, lavorare fino all'ultimo. Quando ho sentito le ultime due rassegne stampa ho capito che era lì nonostante non ce la facesse più. Le ultime energie le ha spese insieme a tanti di noi ma in prima fila, fino all'ultimo respiro per salvareRadio Radicale. Massimo Bordin ci ha lasciato; mi rivolgo umilmente a tutti i colleghi deputati, non al governo, chiedendo di fare in modo che non ci lasci Radio Radicale".