Tiscali.it
SEGUICI

Omicidio di Garlasco, Stasi tutti i giorni a lavoro fuori dal carcere. La mamma di Chiara: "Dispiaciuta"

Condannato a 16 anni per l'omicidio di Poggi, fa il contabile. Il legale della famiglia: "Capita ai detenuti mediatici". E la buona condotta può portarlo fuori dal carcere ben prima dei 16 anni della condanna

TiscaliNews   
Omicidio di Garlasco, Stasi tutti i giorni a lavoro fuori dal carcere. La mamma di Chiara: 'Dispiaciuta'
Alberto Stati ai tempi del processo (Ansa)

Sorpresa no, erano consapevoli che prima o poi sarebbe dovuto accadere. Ma l'amarezza resta: "Sapere che chi ha ucciso nostra figlia dopo sette anni già esce dal carcere, pur senza aver mai ammesso la sua responsabilità, spiace. Non sono notizie belle. Ma la legge è così e non possiamo farci niente". Rita Preda, la mamma di Chiara Poggi, l'ha scoperto dai giornali che quattro mesi fa Alberto Stasi ha ottenuto dal tribunale di sorveglianza di Milano l'ammissione al beneficio del lavoro esterno: tutte le mattine esce dal carcere di Bollate e si reca nella sede di una società d'informatica della zona, dove svolge mansioni contabili e amministrative, per poi fare rientro in cella prima di sera.

Finora Stasi ha scontato in carcere sette anni e mezzo dei 16 ai quali nel dicembre 2015 è stato condannato definitivamente per aver ucciso la fidanzata il 13 agosto 2007 a Garlasco, nel Pavese, quando Chiara aveva ventisei anni. Un omicidio compiuto nella villetta dove lei viveva con i genitori che in quei giorni non erano a casa. Un delitto efferato che il ragazzo ha sempre negato, presentando anche diverse istanze di revisione del processo, tutte rigettate.
"Ci aspettavamo che un momento o l'altro avrebbe ottenuto il beneficio - ha detto la madre di Chiara - ma non ci ha fatto piacere apprendere la notizia in questo modo. Avremmo voluto saperlo non dal giornale". "L'aspetto più deleterio - ha aggiunto l'avvocato Gianluigi Tizzoni, che ha assistito la famiglia Poggi fin dal primo giorno - è proprio che la parte offesa non è stata avvertita. E' vero, la legge non lo impone, ma neppure lo vieta, mentre il 30 giugno entreranno in vigore le nuove norme sulla giustizia riparativa".

La concessione del beneficio del lavoro esterno nelle ore diurne era stata inizialmente negata, quando Stasi ne aveva fatto richiesta nel 2021, ma contro la decisione i suoi avvocati hanno presentato ricorso e lo hanno vinto.
"C'è un tema di ammissione di responsabilità. Il primo giudice - ha osservato Tizzoni - aveva rigettato l'istanza perché Stasi non ha mai ammesso nulla. Altri tribunali non concedono il beneficio se non risarcisci e non c'è un pentimento". "Succede solo a Bollate e per i detenuti 'mediatici'" è l'accusa dell'avvocato.

Il risarcimento ai genitori di Chiara per ora è stato parziale

Rispetto a una condanna a versare alla famiglia Poggi circa 1,2 milioni di euro tra danni e rimborso delle spese legali, è stata raggiunta una transazione con la parte civile per l'importo di 700 mila euro, di cui finora è stata saldata solo circa la metà. Stasi si è impegnato a versare alla famiglia Poggi una quota mensile del suo stipendio con un minimo di 9 mila euro l'anno.

Se lo farà, ci vorranno quasi 40 anni

Se non lo farà l'accordo salterà e si tornerà alla cifra di 1,2 milioni indicata dalla sentenza definitiva della Cassazione del 12 dicembre 2015. Ma tutta la vicenda processuale ha avuto un percorso controverso. In prima battuta Stasi era stato assolto sia dal gup di Vigevano, nel 2009, sia dalla Corte d'assise d'appello di Milano, nel 2011. Poi la prima sezione penale della Cassazione nel 2013 aveva annullato tutto e rimandato gli atti a Milano, dove un'altra sezione della Corte d'assise d'appello il 17 dicembre 2014 aveva inflitto 16 anni di reclusione: il massimo possibile, scontando il terzo di pena previsto per il ricorso al rito abbreviato, essendo caduta l'aggravante della crudeltà. Una sentenza confermata dalla Cassazione nel 2015.

TiscaliNews   

I più recenti

Zaia e Cappato a funerali di Stefano Gheller, paladino fine vita
Zaia e Cappato a funerali di Stefano Gheller, paladino fine vita
Sparatoria a Palermo, un morto e un ferito: guerra per il controllo dello spaccio di droga
Sparatoria a Palermo, un morto e un ferito: guerra per il controllo dello spaccio di droga
Pm Firenze apre inchiesta su scontri vicino a consolato Usa
Pm Firenze apre inchiesta su scontri vicino a consolato Usa
Sardegna: Todde incrementa vantaggio su Truzzu dello 0,6%
Sardegna: Todde incrementa vantaggio su Truzzu dello 0,6%

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...