Tiscali.it
SEGUICI

Ex dipendenti senza TFR e fornitori non pagati, un passivo di 100 milioni: pignoramenti a Forza Italia

Il tesoriere Alfredo Messina: “Soldi in cassa non ce ne sono. Abbiamo già avviato solleciti ai parlamentari affinché versino la loro quota di indennità”

di I.D.   
Bandiere di Forza Italia e Berlusconi
Bandiere di Forza Italia e Berlusconi

La situazione finanziaria di Forza Italia non è certo rosea, almeno a leggere quanto riportato dal Fatto Quotidiano. Pignoramenti in atto, ex dipendenti che si sono trasformati in creditori e un passivo di circa 100 milioni. Che il partito di Berlusconi, uscito vincitore dalla tenzone elettorale siciliana, sia in cattive acque lo conferma sulle pagine del quotidiano di Travaglio anche il tesoriere Alfredo Messina. “Soldi in cassa non ce ne sono – dichiara – Abbiamo già avviato solleciti ai parlamentari affinché versino la loro quota di indennità”. Anche se l’impegno a “pagare tutti” non manca, nonostante “ad oggi, a lavorare nel partito, siamo rimasti in tre…”.

Il male di FI parte da lontano – si legge sul giornale – Basti pensare che dal 2008 ha chiuso tutti i bilanci in rosso. Con un passivo passato dai 6 ai 100 milioni nel 2016 e il licenziamento, a fine 2015, di 81 dipendenti. Dicono che l’ex Cavaliere abbia dato una mano accollandosi i debiti con le banche (Unicredit, Mps) e che al momento, “con 90 milioni, sia il più grande creditore del partito”.

Appuntamento davanti al Tribunale

Inevitabile il trasferimento delle contese davanti al Tribunale, quello civile di Roma, dove il 16 gennaio dovrà essere decisa la sorte dei creditori e quali beni aggredire col pignoramento. In gran parte conti correnti – chiarisce il Fatto – perché FI non ha proprietà immobiliari. Il consulente tecnico del Tribunale pare abbia già inviato una bozza provvisoria con il “piano di distribuzione dei crediti”. Tra i creditori figurerebbero per la maggior parte ex dipendenti cui non è stato versato il TFR (Trattamento di Fine Rapporto) oppure richiedenti altre spettanze. Poi ci sarebbero le somme richieste dalle aziende fornitrici. Per esempio, “Eginformativa Progetti Speciali Srl, che per molto tempo ha gestito il sistema informatico del partito nella sede romana di via dell’Anima, sarebbe creditrice di oltre 490mila euro, Telecom di 356mila euro e Immobiliare Matisse Srl di 155mila”.

I pignoramenti presso banche e Poste

Come avviene quando si cade nel vortice dell’insolvenza, sarebbe cominciato anche il pignoramento dei conti e delle somme destinate al partito nelle banche e alle Poste. Così Forza Italia rischierebbe il blocco dei 163mila euro in Poste Italiane e dei 194mila in Banca Prossima. In pericolo anche i fondi pubblici, “come i 394mila euro che il Ministero dell’Economia deve versare a FI come quota del 2 per mille”.

Pare che le richieste complessive ammontino a “circa 2 milioni di euro” ma che “in cassa vi sia meno della metà di quella cifra”.

 

 

 

di I.D.   
I più recenti
Anas, al via campagna di prevenzione 'La strada non è un posacenere'
Anas, al via campagna di prevenzione 'La strada non è un posacenere'
Spari al Festival del sordo, si costituiscono due fratelli
Spari al Festival del sordo, si costituiscono due fratelli
Auto investe cerbiatto nei pressi del casello A14 a Civitanova
Auto investe cerbiatto nei pressi del casello A14 a Civitanova
Con l'anticiclone africano 39-42°C per almeno 7 giorni
Con l'anticiclone africano 39-42°C per almeno 7 giorni
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...