Fontana: "Il 19 e il 20 dicembre c'è il rischio di una fuga dal Nord". La Campania vieta anche le seconde case

Il governatore delle Marche: limitazioni 'arancione' in vigore fino sabato. De Luca condivide "a pieno le misure di rigore del governo"

Fontana: 'Il 19 e il 20 dicembre c'è il rischio di una fuga dal Nord'. La Campania vieta anche le seconde case
TiscaliNews

Il 19 e il 20 dicembre, ovvero l'ultimo week end in cui si può partire prima delle festività natalizie "rischiamo di rivivere quello che successe nella notte fra il 7 e l'8 marzo", ha detto a Mattino 5 il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, rispondendo alla domanda se teme una nuova 'fuga dal Nord'.

Intanto c'è attesa per la decisione sugli spostamenti di alcune Regioni in fasce di rischio diverse da quelle in cui si trovano attualmente. "Ricordo a tutti che l'attuale ordinanza che pone le Marche in 'zona arancione' sarà in vigore fino a sabato alle ore 24", scrive in un post su Fb il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli aggiungendo che poi si si saprà "in maniera definitiva se potremo tornare in 'zona gialla'".

"A Natale siamo tutti più buoni e quindi spero dal Governo un ravvedimento del provvedimento sullo stop di movimento tra i Comuni nelle date del 25 e 26 dicembre e 1 gennaio", ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia il quale sottolinea che ci sono "ancora giorni davanti" per poter mettere mano al Dpcm.

"Il Veneto è a fianco del Governo. Noi non vogliamo essere dall'altra parte della barricata, ma dobbiamo trovare soluzione. Facciamo passare qualche giorno e penso che ci sarà pur qualche incontro prima delle festività. Abbiamo quindi margine per provare a convicere il Governo a modificare il provvedimento, se vogliono".

"Condivido a pieno le misure di rigore del governo, a cominciare dalla limitazione degli spostamenti tra regioni e comuni". Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso della diretta Facebook. "In Campania sarà vietato anche andare nelle seconde case, ve lo anticipo". De Luca, pur ribadendo di essere per la linea del rigore, definisce "intollerabile la chiusura dei negozi di abbigliamento per adulti e di calzature".