Tiscali.it
SEGUICI

Fedez indagato per rissa e lesioni nel caso Cristiano Iovino

La decisione della procura di Milano, il fascicolo riguarda il personal trainer aggredito nella notte tra il 21 e il 22 aprile scorso dopo una lite in discoteca. Da quanto si apprende i denunciati sarebbero cinque o sei, alcuni non ancora identificati

TiscaliNews   
Foto Ansa
Foto Ansa

La procura di Milano ha iscritto Fedez, all'anagrafe Federico Lucia, per rissa, lesioni e percosse in concorso, nel fascicolo che riguarda l'episodio che avrebbe visto come vittima il personal trainer Cristiano Iovino, aggredito nella notte tra il 21 e il 22 aprile scorso davanti alla sua abitazione, dopo una lite in una discoteca in zona corso Como. I motivi della rissa, che avrebbero coinvolto il cantante e marito dell'influencer Chiara Ferragni, non sono ancora chiari. Da quanto si apprende i denunciati sarebbero 5-6, alcuni non ancora identificati.

Quello di Fedez, a quanto risulterebbe, è l'unico nome iscritto al momento (non ha ricevuto comunicazioni formali dai pm), anche se altre persone lo saranno nei prossimi giorni, perché alcune già identificate. Viene smentito, poi, come invece era parso inizialmente, che la diatriba, finita pure con bicchieri scagliati da una parte all'altra all'interno del locale frequentato da molti vip, abbia visto al centro una ragazza, Ludovica di Gresy, che era in compagnia del rapper e di altre persone, tra cui Christian Rosiello, tra i personaggi di spicco della curva sud milanista e che da tempo ormai accompagna il cantante come suo bodyguard. Anzi, secondo fonti vicine al cantante, ex di Chiara Ferragni, pure lei travolta da un caso giudiziario il cosiddetto "pandoro-gate", ci sarebbero altre ragioni relative ai dissapori tra lui e il personal trainer romano, teste di Francesco Totti nella causa di separazione con Ilary Blasi, e poi aggredito, quella notte tra il 21 e il 22 aprile scorso, da un gruppo di 8-9 persone, scese da un minivan. Tra queste, appunto, diversi ultras rossoneri legati all'artista, che hanno pestato Iovino fuori dal suo appartamento milanese e qualche ora dopo le scene da saloon al The Club.

Sui motivi che avrebbero originato lo scontro, a cui sarebbe seguito il pestaggio, si sta cercando di fare chiarezza anche per verificare eventuali contesti di presunte attività illecite, come giri di droga o altro. In Procura, tra l'altro, da quanto si è saputo, tempo fa venne archiviata, perché mancava la querela della presunta vittima alla quale era stato il rotto il naso, un'altra vicenda simile che avrebbe visto coinvolto sempre Fedez.

Intanto, subito dopo i fatti di quella notte di aprile, dopo aver sentito alcuni testimoni, tra cui due guardiani del palazzo di via Marco Ulpio Traiano, abitazione milanese di Iovino, e dopo aver visionato le immagini delle telecamere (sia quelle del locale che quelle fuori dalla palazzina) i carabinieri hanno denunciato Fedez. Il fascicolo è coordinato dal pm Michela Bordieri ed è stato aperto anche per lesioni, ma per portare avanti questa contestazione servirà la querela del 37enne, non ancora presentata. Iovino, anzi, non ha collaborato alle indagini, anche se ha tempo per denunciare fino a fine luglio.

Fedez, con dichiarazioni di ieri, ha negato di essere stato presente davanti a casa di Iovino ma sia i verbali che le immagini delle telecamere confermerebbero la sua presenza. Ci sarebbe stata anche Ludovica di Gresy, oltre agli ultras. E pare che il rapper e il personal trainer si fossero dati una sorta di appuntamento là per chiarire la situazione dopo che erano stati tutti buttati fuori dal The Club. Iovino, poi, avrebbe cercato, senza esito diretto, anche la sponda degli ultras laziali, gemellati con quelli interisti, per contrastare quelli che stavano a fianco a Fedez.

Tra l'altro, sul mondo degli ultrà, su affari e spedizioni violente sono in corso indagini più ampie a Milano. Nella notte tra sabato e domenica, nel frattempo, è stato aggredito, a colpi di sedie e tavolini e coltellate, un 25enne romeno dopo la partita Milan-Cagliari. In carcere, su indagini della Digos, è finito ieri per lesioni pluriaggravate Alessandro Sticco, 42 anni, nel direttivo della curva sud milanista, come Luca Lucci, capo ultrà, e Rosiello. E anche Islam Hagag, 35 anni, e Luigi Margini, 43 anni, per i quali come misura cautelare sono stati chiesti i domiciliari. Altri tre ultrà sono indagati e altri ancora stanno per essere identificati.

TiscaliNews   
I più recenti
Infanzia, Unicef-Anci insieme per campagna 'Diritti in comune'
Infanzia, Unicef-Anci insieme per campagna 'Diritti in comune'
Perseguita Angelina Mango e la madre, arrestato 49enne
Perseguita Angelina Mango e la madre, arrestato 49enne
Torna in libreria Sin City, la leggendaria saga di Frank Miller
Torna in libreria Sin City, la leggendaria saga di Frank Miller
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...