Tiscali.it
SEGUICI

Altro che tagli, la Rai copre d'oro Fabio Fazio. 11 milioni di euro di contratto

Secondo quanto risulta a Tiscali.it, Carlo Freccero ha abbandonato il Cda prima del voto sullo stipendio del conduttore. Fico attacca: "Scandaloso, comunista con portafoglio a destra"

Monica Settadi Monica Setta   
Fabio Fazio
Fabio Fazio

Altro che tetti agli stipendi delle star a quota 240 Mila euro, altro che lifting ai compensi del 10 per cento, come al solito nella storia Rai ci sono i figli ed i "figliastri". Figlio prediletto di mamma Rai si conferma l'ottimo Fabio Fazio che ha portato a casa un contratto  tra i più alti mai visti in Viale Mazzini pari a 11,2 milioni di euro per quattro anni, che significa 2,8 milioni all'anno. E, questo, in barba a un intero Parlamento che voleva ridurgli il compenso, a lui come alle altre star, a 240mila euro, tetto massimo previsto per le retribuzioni di dirigenti o giornalisti.

Insomma, minacciare di andarsene, intervenire pubblicamente per lamentarsi di essere trattati male dall'azienda per cui si lavora e accusare i partiti di interferire nella vita aziendale della Rai, ha dato i suoi frutti. Certo, i «campioni» vanno pagati, ma nel caso di Fazio siamo arrivati a cifre stellari. É il mercato, bellezza, direbbero i dealers di Borsa avendo perfettamente ragione. Se per gli altri conduttori i negoziati con Mediaset o Sky erano fermi ai preliminari, il potentissimo Beppe Caschetto che si conferma leader assoluto fra gli agenti attualmente in viale Mazzini, era riuscito ad imbastire una trattativa con la 7 di Urbano Cairo per far traslocare Fazio ed i suoi format nell'emittente guidata da Andrea Salerno che ovviamente lo avrebbe accolto a braccia aperte.

Dunque, esigenze di mercato, sostiene il dg Mario Orfeo che ieri ha portato in cda il resto dei palinsesti invernali "rimaneggiati" negli ultimi giorni dalle sue stesse mani. Ma sul voto allo stipendio extra large di Fazio, secondo quanto risulta a Tiscali.it, non tutto sembra filare liscio. Carlo Freccero che aveva visto a cena la sera prima il consigliere Giancarlo Mazzuca ha abbandonato il consiglio prima delle 2 votazioni che non sono state contemporanee: prima il voto sul compenso di Fazio, poi i palinsesti. Giancarlo Mazzuca, ex parlamentare, direttore per 7 anni e mezzo del Resto del Carlino, 2 volte del Giorno, già vicedirettore & fondatore de La Voce di Montanelli (si parla di lui come un possibile candidato di "equilibrio" per la direzione del Sole 24 ore) si ē astenuto sul voto a Fazio poi ha lasciato il cda. Mazzuca si é astenuto per non votare contro una proposta di Orfeo che aveva visto in mattinata proprio nel suo ufficio ai piani alti del palazzo Rai.  

"Ho apprezzato lo sforzo del dg che ha dovuto gestire la patata bollente dei compensi alle star" commenta il consigliere con Tiscali.it "ma non mi  ē piaciuta la campagna del presentatore che sembra aver spuntato il lauto contratto dopo aver minacciato il forfait. Sono comportamenti che possono apparire strumentali". In sostanza, il nuovo contratto prevede che lo show storico di Fazio, Che tempo che fa, passi dal terzo al primo canale la domenica sera per 32 appuntamenti annuali (da settembre a giugno) più altri 32 in seconda serata al lunedì. La promozione giustifica così l'aumento del cachet (il contratto precedente prevedeva 1,8 milioni all'anno) invece che la sua diminuzione. Nei 2,8 milioni annui sono conteggiati anche i diritti di acquisizione del format che appartiene al presentatore.

Dalla Rai si fa trapelare che, in realtà, si tratterebbe di una riduzione perché un così alto numero di serate sul primo canale dovrebbero essere pagate di più. Ma, a settembre, si vedrà quanti punti di share farà in più Che tempo che fa su Raiuno e soprattutto se raggiungerà i risultati delle fiction in onda solitamente alla domenica. La realtà ē un'altra, spiega un manager legato all'ex dg Antonio Campo Dall'Orto che starebbe per abbandonare, è stato un escamotage per convincere Fazio a restare in Rai e impedire che la sua uscita fosse l'inizio di una migrazione di altri colleghi verso altre aziende. E infatti il presidente Monica Maggioni e il dg Mario Orfeo parlano di strategia di consolidamento. Ma ora si aprirà un nuovo fronte: con l'esempio di Fazio, nessuna delle star accetterà di farsi ridurre i compensi in base al codice di autoregolamentazione approvato dal cda che prevede la possibilità di sforare il tetto di legge di 240mila euro ma con una diminuzione del 10-20 per cento in fase di negoziato.

La scelta dei vertici Rai, che si sono chiusi a difesa delle proprie star, va in direzione opposta alla richiesta delle forze politiche, grillini e parte del Pd in testa. Ieri si sono schierati contro il super contratto di Fazio anche la Lega di Matteo Salvini (Roberto Maroni si ē scatenato su Twitter) e lo stesso Michele  Anzaldi del Pd: «È un vero schiaffo agli italiani che fanno sacrifici e alla povertà - ha detto - uno schiaffo che arriva da una piccolissima casta di intoccabili. È uno schiaffo al Parlamento che ha approvato una legge ora disattesa con il tetto a 240mila euro. La presunta riduzione del 10 per cento a tutti i compensi si è rivelata una incredibile presa in giro, di cui ora i consiglieri saranno chiamati a rispondere".

Adesso il nodo sembra proprio quello della compattezza del cda che, davanti all'ipotesi di un risarcimento in solido di eventuali danni erariali, potrebbe spaccarsi. Di sicuro l'asse Mazzuca- Diaconale ē potente perchē ha un filo diretto con Silvio Berlusconi tornato player nella partita politica mentre Franco Siddi, Borioni e Guelfi sono totalmente schierati (non senza distinguo al loro interno) con il dg. Martedì prossimo il dossier si ripare il commissione di vigilanza dove il presidente Fico si esprimerà anche a proposito del ventilato azzeramento dell'intero consiglio con dimissioni del presidente Monica Maggioni "colpevole" a suo dire di aver utilizzato denaro pubblico proveniente dai contribuenti attraverso il canone per viaggi destinati alla promozione di un libro (Terrore mediatico, Laterza) che aveva poco a che fare con il suo ruolo di direttore di Rai news 24 (non aveva neppure la partnership Rai Eri).

Fronti caldissimi infine sui palinsesti dopo l'annuncio della chiusura dell'Arena di Massimo Giletti troppo "populista" per una linea editoriale che con Orfeo torna al rigore, alla certezza delle notizie  separate dalla fantasia dell'intrattenimento. Le prime serate offerte a lui ed a Paola Perego che potrebbero apparire come un benefit sembrano al consigliere dem sentito da a tiscali.it una specie di classico "promoveatur  ut moveatur ". "Intanto la Perego ē stata accontentata ma poi se il suo prime time va male sai quanto ci mette la rete a chiuderle il programma stavolta legittimamente per basso Share?" " Anche quella della Giletti " aggiunge il consigliere molto amico di Paola & Lucio Presta " Non ē una promo mozione, ē un siluramento". Sistemate le caselle di Uno mattina dove va Benedetta Rinaldi, la Vita in diretta con Francesca Fialdini o Domenica in con Cristina Parodi.

Luca & Paolo a Quelli che il calcio, Lucia Annunziata allunga fino ad un'ora il suo programma che dovrà cambiare titolo (In mezz'ora) liberandosi della concorrenza dell'Arena. Fateci caso, chi si avvantaggia in Rai della cancellazione del programma da 4 milioni di teste condotto da Giletti? Annunziata, avete risposto bene. Fatevi una domanda, la risposta è qui. 

"Uno scandalo, un comportamento vergognoso". Roberto Fico, presidente della Commissione di Vigilanza Rai, rispond ecosì in merito al compenso della Rai per Fabio Fazio. "Quando era stato preventivato di toccare lo stipendio a Fazio, classico comunista col cuore a sinistra e portafoglia destra - ha affermato - voleva scappare in un'altra Tv". "Ora che è arrivato il suo compare Orfeo e gli aumentano lo stipendio - ha concluso - non vuole più scappare dalla Rai".

Monica Settadi Monica Setta   

I più recenti

Maltempo: ancora interrotta linea ferroviaria Milano-Venezia
Maltempo: ancora interrotta linea ferroviaria Milano-Venezia
Italia sotto la pioggia, frane in Liguria, allerta in Veneto. Allarme valanghe sulle Alpi
Italia sotto la pioggia, frane in Liguria, allerta in Veneto. Allarme valanghe sulle Alpi
Uomo trovato morto in casa a Vercelli, ipotesi accoltellamento
Uomo trovato morto in casa a Vercelli, ipotesi accoltellamento
Fitte nevicate in Valtellina, sale a 4 il rischio valanghe
Fitte nevicate in Valtellina, sale a 4 il rischio valanghe

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...