Tiscali.it
SEGUICI

Endometriosi, una campagna per raccontare difficoltà e pregiudizi

di Askanews   
Loading...
Codice da incorporare:

Roma, 26 apr. (askanews) - Una campagna per raccontare le difficoltà che incontrano ogni giorno le donne che soffrono di endometriosi. Attraverso tre video, realizzati insieme a OEJ Agency, la Fondazione Italiana Endometriosi (FIE) lancia un messaggio forte di sensibilizzazione contro tutti i pregiudizi e gli ostacoli che oltre tre milioni di donne in Italia sono costrette ad affrontare quotidianamente, nei più svariati contesti sociali, a partire dalla famiglia e dal lavoro, a causa della loro malattia.Una malattia che troppo spesso genera luoghi comuni e giudizi sbagliati che finiscono per "paralizzare" ancora di più la persona che soffre di endometriosi, portandola a non agire e a chiudersi in se stessa.

I video, che saranno diffusi a partire dal 26 aprile sui canali social della Fie e all interno della community ufficiale che conta oltre 42mila iscrizioni, riportano numerose testimonianze di donne affette da endometriosi e di chi vive a stretto contatto con loro. Testimonianze di donne ma anche di uomini - padri, mariti, fidanzati, amici -, interrotte da voci senza corpo che impediscono a chi parla di raccontare la propria esperienza.Endometriosi come malattia invisibile, una malattia difficile da comprendere per chi non ne è vittima e che genera spesso giudizi superficiali o veri e propri pregiudizi e comportamenti discriminatori. Le donne che soffrono di endometriosi spesso sono penalizzate due volte: dalla malattia e dal contesto socio-culturale. Per questo, è il senso della campagna, è importante diffondere quanto più possibile la conoscenza di questa malattia, sostenere la ricerca con il 5x1000 e invitare le istituzioni a effettuare azioni concrete a sostegno delle donne che devono convivere con questa invisibile patologia invalidante, per cui ad oggi non ci sono cure ma solo terapie.

di Askanews   

I più recenti

Le aziende italiane in ritardo sull'Intelligenza Artificiale
Le aziende italiane in ritardo sull'Intelligenza Artificiale
Un pitbull in una foto di repertorio(Ansa)
Un pitbull in una foto di repertorio(Ansa)
Bimbo di 5 mesi muore azzannato dal pittubull dei genitori
Bimbo di 5 mesi muore azzannato dal pittubull dei genitori
Schlein: Il governo non firma per politiche europee pro-Lgbtqia+, vergogna
Schlein: Il governo non firma per politiche europee pro-Lgbtqia+, vergogna
Teleborsa

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...