E' la giornata mondiale della vista, lo spot "Fermiamo la cecità"

Codice da incorporare:
di Askanews

Roma, (askanews) - In occasione della Giornata Mondiale della vista (11 ottobre) CBM lancia la nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi "Fermiamo la cecità. Insieme è possibile" con l'obiettivo di salvare dalla cecità 2.6 milioni di bambini, donne e uomini che vivono nei Paesi del Sud del mondo. Nel mondo sono 253 milioni le persone cieche e ipovedenti e l'89% di queste vive nei Paesi poveri del mondo."Pur se in calo, i numeri di cecità e ipovisione nel mondo sono ancora allarmanti. Nei Paesi poveri del mondo, un bambino cieco rischia la vita in ogni momento perché è vittima di incidenti domestici, maltrattamenti e abbandoni. CBM da 110 anni è impegnata in prima linea nella cura e nella prevenzione della cecità. La cecità si può fermare - l'80% delle cause che la provocano sono prevenibili - e per farlo è necessario continuare il nostro lavoro", ha dichiarato Massimo Maggio, Direttore di CBM Italia Onlus.Nei Paesi del Sud del mondo essere ciechi significa rischiare di morire, ogni giorno. "Fermiamo la cecità. Insieme è possibile" è la nuova campagna di raccolta fondi di CBM Italia Onlus che ha l'obiettivo di salvare dalla cecità 2.6 milioni di bambini, donne e uomini che vivono in 21 paesi di Africa, Asia e America Latina (Etiopia, Kenya, Madagascar, Repubblica Democratica del Congo, Rwanda, Sud Sudan, Tanzania, Uganda, Zambia, Filippine, India, Nepal, Pakistan, Territori Palestinesi, Vietnam, Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Honduras, Paraguay) attraverso 46 progetti di prevenzione e cura. Screening visivi nelle scuole e nei villaggi, visite oculistiche, operazioni chirurgiche, percorsi di riabilitazione, allestimento di cliniche mobili oftalmiche, distribuzione di antibiotici, costruzione di pozzi, attività di formazione professionale di medici e operatori e sensibilizzazione le attività previste dai progetti.Il 2018, inoltre, è un anno importante per CBM: ricorrono infatti i 110 anni dalla fondazione. Era il 1908 quando il dottor Ernst Christoffel iniziò a lavorare con passione e dedizione per le persone cieche e ipovedenti. Dai primi passi della casa per non vedenti a Malatia, in Turchia, a oggi sono trascorsi 110 anni; anni in cui l'impegno di CBM si è esteso e rafforzato. Nell'ultimo anno le persone raggiunte e curate da CBM sono state oltre 35 milioni, nei Paesi più poveri di Africa, Asia e America Latina.