Docu racconta David Bowie inedito a 5 anni dalla scomparsa

Docu racconta David Bowie inedito a 5 anni dalla scomparsa
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Un David Bowie inedito, come non si è mai visto, nel suo percorso da 'absolute beginner' a star internazionale. Lo racconta London Boy, il documentario prodotto dalla Rai per la serie In Scena che verrà trasmesso da Rai5 e in streaming da RaiPlay esattamente a cinque anni dalla scomparsa dell'iconico artista inglese, il prossimo 10 gennaio. Scritto e realizzato dalla giornalista Rai Rita Rocca, il documentario racconta l'evoluzione di David Robert Jones (vero nome di Bowie) in un arco temporale che va dal 1947, anno della sua nascita, al 1973, anno in cui avvenne la sua consacrazione. La ricerca dell'identità artistica, le influenze, gli incontri, i flop e la difficile ascesa al successo, sono narrate dagli amici e dai collaboratori di quegli anni giovanili. Il documentario raccoglie testimonianze e materiali inediti e fa luce su un periodo della vita del musicista finora poco conosciuto. Una scelta stilistica che ricorda un po' quella del film Stardust, presentato all'ultima Festa del Cinema di Roma, e che fa riferimento all'era pre-Ziggy Stardust. Il film conduce lo spettatore nei luoghi della giovinezza di Bowie e si snoda attraverso memorabili epopee musicali: da Elvis Presley ai Beatles, dai Rolling Stones ai Velvet Underground di Lou Reed, divenuto poi amico e sodale. La colonna sonora offre una panoramica dell'evoluzione musicale di Bowie, raccogliendo incisioni giovanili, demo e brani poco noti al grande pubblico, che completano il quadro di un artista dalle mille sfaccettature. Un'occasione per scoprire Bowie non solo sotto il profilo biografico ma anche autoriale. Tra i protagonisti del film, la diva del blues Dana Gillespie, amica di Bowie dai tempi della Swinging London; il danzatore e coreografo Lindsay Kemp, che gli insegnò a stare in scena; e il leggendario tastierista degli Yes, Rick Wakeman, che il Duca Bianco volle nella registrazione di diverse canzoni, tra cui la nota Space Oddity. In London Boy, c'è anche materiale fotografico inedito proveniente da archivi privati e dalle collezioni di fotografi come Philippe Auliac e Vernon Dewhurst. E le illustrazioni di tre giovani artiste: Hyrtis (Francia), Sara Captain (Uk) e Alice Rovai (Italia). (ANSA).