Tiscali.it
SEGUICI

[Esclusiva] Il docente universitario italiano delle Ong amico del boss dei trafficanti di migranti

Sul suo profilo Facebook, si qualifica come interprete e docente di lingua araba presso una università italiana e dice di aver partecipato come traduttore a missioni di Mare Nostrum a bordo della San Giorgio e San Giusto

Guido Ruotolodi Guido Ruotolo   
[Esclusiva] Il docente universitario italiano delle Ong amico del boss dei trafficanti di migranti

Si chiama Mohamed, è un cittadino siriano di origine curda. Ha perso moglie e figli in un naufragio e in un centro di accoglienza ha raccontato di aver riconosciuto tra i migranti il capo dei trafficanti di uomini di Sabratha.

«Dopo aver rimandato più volte la decisione, nel mese di luglio scorso io e mia moglie abbiamo deciso di lasciare la Libia e raggiungere l'Europa con la speranza di poter dare un futuro migliore ai nostri figli. In Libia, soprattutto a Tripoli e Sabratha, è facile trovare persone in grado di organizzare viaggi per l'Italia, ma vivendo a Beni Walid non sapevo chi contattare. Così ho chiamato un amico siriano che vive a Tripoli che mi ha messo in contatto con un libico di origini siriane, persona che è considerata molto affidabile, l'ho contattato telefonicamente. Mi ha detto di chiamarsi Abdul e mi ha rassicurato dicendomi che mi avrebbe fatto partire con una grande barca da pesca con al massimo 25 compagni di viaggio. Che per l'equivalente di 6.600 euro avrei avuto anche da mangiare, acqua, giubbotti salvagente, una bussola e un satellitare. Mi disse che il viaggio sarebbe durato poco perché le navi italiane ci avrebbero soccorso subito».

Dunque la partenza, il viaggio. «La sera del 18 agosto, intorno alla mezzanotte, Abdul è venuto a prenderci. Prima di portarci via a bordo della sua BMW, ha preteso il pagamento per contanti della somma concordata. Dopo 15 minuti di viaggio abbiamo raggiunto una spiaggia dove c'erano due piccole barche di legno e circa 60/65 persone in attesa di imbarcarsi. I migranti erano controllati da 5/6 libici armati».

A Mohamed vengono mostrate nei giorni seguenti fotografie di sospetti scafisti e alcune pagine Facebook collegate al nome di Abdul. Il profugo ha riconosciuto in lui l'organizzatore del suo viaggio.

Ora l'attività investigativa si è concentrata su alcuni aspetti inquietanti. Come i rapporti di Abdul con un insospettabile, un professore universitario, un traduttore.

Sul suo profilo Facebook, si qualifica come interprete e docente di lingua araba presso una università italiana e dice di aver partecipato come traduttore a missioni di Mare Nostrum a bordo della San Giorgio e San Giusto, per contro dell'Unhcr, l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Una millanteria o c'è qualcosa di vero su quanto afferma?

Ma dalla lettura di rapporti di funzionari delle forze di polizia emerge un altro inquietante spaccato: quando i migranti scendono a terra dalle navi Ong è come se abbiamo subito un lavaggio del cervello. Nei loro rapporti, gli ufficiali di Eunavform Med (l'operazione militare europea per contrastare i trafficanti di migranti) riferiscono che i migranti «manifestano riluttanza nel cooperare».

Anche la Procura di Trapani indaga sulle Ong. Di certo una delle navi che ha recuperato migranti a 7 miglia dalle coste libiche, nelle acque territoriali libiche, la Dignity One, riconducibile alla Ong Medici senza frontiere, che batte bandiera panamense. Rilevano gli ispettori di polizia: «I migranti non sono stati molto collaborativi nel fornire informazioni dettagliate circa il viaggio, attribuendo la colpa alla stanchezza e alle ore di viaggio estenuanti». Troppe cose non quadrano.

Guido Ruotolodi Guido Ruotolo   
I più recenti
Maltempo: forti temporali nell'Alessandrino, alberi abbattuti
Maltempo: forti temporali nell'Alessandrino, alberi abbattuti
Corpo sull'Adda, recuperato un cadavere
Corpo sull'Adda, recuperato un cadavere
Maltempo: forte grandinata a Milano
Maltempo: forte grandinata a Milano
Incendio in casa nel ragusano, poliziotto soccorre abitanti
Incendio in casa nel ragusano, poliziotto soccorre abitanti
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...