Tiscali.it
SEGUICI

Difesa Baby Gang contro giudici, 'giudizi morali su trapper'

di Ansa   
Difesa Baby Gang contro giudici, 'giudizi morali su trapper'

(ANSA) - MILANO, 27 FEB - Alcune scelte "linguistiche" dei giudici "paiono addirsi più alla prosa romanzesca che a quella giudiziaria" e dimostrano una "malcelata avversione" nei confronti degli imputati, con "un giudizio di tipo moralistico e valoriale" perché considerati "emblemi di due fenomeni sociali oggi particolarmente invisi, ovvero quello delle cosiddette 'baby gang' e della musica trap". Sono passaggi dell'atto con cui i legali Niccolò Vecchioni e Jacopo Cappetta hanno presentato ricorso in appello contro le condanne dei noti trapper Mohamed Lamine Saida, detto Simba La Rue, e Zaccaria Mouhib, ossia Baby Gang, e dei giovani della loro crew.

Condanne inflitte a metà novembre scorso nel processo abbreviato con al centro la sparatoria, avvenuta nella notte tra il 2 e il 3 luglio 2022 in via di Tocqueville, vicino a corso Como, zona della movida milanese, in cui rimasero feriti due senegalesi a colpi di pistola. In particolare, Simba è stato condannato a 6 anni e 4 mesi e Baby Gang a 5 anni e 2 mesi dai giudici della settima penale di Milano Tremolada-Pucci-Gallina. I legali nell'impugnazione contestano "la totale nonchalance con la quale la sentenza impugnata ha operato un vero e proprio ribaltamento di alcuni dati storici". Mettono in evidenza che il collegio di giudici ha sostenuto che un imputato avrebbe "condiviso con terzi un video della rissa", spingendosi "a paragonare tutti gli imputati ad 'arcaici cacciatori che si immortalavano davanti alle loro prede esamini'". Mentre nessuno di loro "si è mai ripreso nell'atto di compiere atti violenti". (ANSA). .

di Ansa   

I più recenti

Sassi contro i treni, 5 minorenni denunciati nel Lodigiano
Sassi contro i treni, 5 minorenni denunciati nel Lodigiano
I genitori dell'ostaggio Hersh Goldberg-Polin: firmate cessate-il-fuoco
I genitori dell'ostaggio Hersh Goldberg-Polin: firmate cessate-il-fuoco
Presidio contro la tortura al Beccaria: Tutti fuori dalle galere
Presidio contro la tortura al Beccaria: Tutti fuori dalle galere

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...