Covid, Gimbe: no effetto scuola ma 27,3% di ragazzi non vaccinato

di Askanews

Roma, 27 ott. (askanews) - Oltre il 27% dei ragazzi tra i 12 e 19 anni (1.243.466 studenti) non ha ricevuto nemmeno una dose di vaccino e il 5,5% ha effettuato solo la prima dose. E' quanto è emerso dal rapporto "Sicurezza Covid-19 nelle scuole: dalle evidenze scientifiche al real world" della Fondazione Gimbe, in cui si evidenzia inoltre che lo zoccolo duro di personale scolastico non vaccinato sfio il 6%.Secondo il report è importante mantenere alta l'attenzione: nelle scuole, si sottolinea, il distanziamento interpersonale di un metro è regolamentato da un "obbligo flessibile" che lo rende inapplicabile nelle "classi pollaio"; troppe le risorse impiegate per la disinfezione delle superfici e pochissime quelle per i sistemi di aerazione e ventilazione.Per Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione, "con la stagione invernale alle porte e l'aumento dei nuovi casi non ci sono le condizioni di sicurezza per abbandonare la mascherina in aula". Secondo i dati dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS), nel periodo 4-17 ottobre, sono stati diagnosticati nella fascia 0-19 anni 8.857 casi, di cui 99 ospedalizzati, 3 ricoveri in terapia intensiva e nessun decesso. Finora non si è quindi verificato il temuto "effetto scuole", grazie ai vaccini.Tra le criticità evidenziate nel report, le diverse percentuali di non vaccinati che vanno dal 19,6% della Sardegna al 43,8% della Provincia autonoma di Bolzano. Il trend della copertura con almeno una dose nella fascia 12-19 anni, dopo il netto aumento a inizio giugno, ha inoltre progressivamente rallentato a partire da settembre.