Coronavirus in Vaticano, positivo stretto collaboratore del Papa

di Askanews

Roma, 26 mar. (askanews) - Coronavirus in Vaticano, e più specificatamente a Santa Marta, la residenza dove Papa Francesco ha scelto di vivere. A risultare positivo è stato uno stretto collaboratore del Pontefice, funzionario della Segreteria di Stato, ricoverato ora in ospedale. Anche il prelato vive da anni nella casa Santa Marta.E ora la preoccupazione si sposta inevitabilmente sul Papa argentino che è stato sottoposto al tampone, risultato negativo. Al via, come previsto dal protocollo, la procedura di sanificazione della residenza vaticana. Si tratta del quinto caso nel piccolo Stato che conta 500 cittadini.E proprio il propagarsi del contagio del Covid-19 potrebbe indurre il Vaticano al lockdown. Anche se di fatto le misure restrittive sono state già attuate da un paio di settimane. E il Papa vive in totale isolamento: messa solitaria la mattina, pranzo in camera, niente udienze né preghiera dell'Angelus in pubblico, ridotti gli incontri con cardinali e vescovi.