Tiscali.it
SEGUICI

Contestata discriminazione religiosa per arrestati a Perugia

di Ansa   
Contestata discriminazione religiosa per arrestati a Perugia

(ANSA) - PERUGIA, 13 APR - Sono indagati a vario titolo per minaccia, lesioni personali e rapina commessi con l'aggravante della discriminazione religiosa i tre tunisini arresto dalla digos di Perugia e dal personale della Direzione centrale polizia di prevenzione in esecuzione di tre ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip perché ritenuti responsabili di due violente aggressioni nei confronti di un giovane connazionale accusato di aver intrapreso un percorso di conversione alla religione cattolica. In un'occasione la presunta vittima è stata anche rapinata di una catenina. L'attività d'indagine si è sviluppata a seguito delle denunce sporte dall'aggredito, un ventottenne regolare sul territorio nazionale, colpito la sera dello scorso 12 novembre nel quartiere di Ponte San Giovanni mentre passeggiava con un amico.

Tre uomini - secondo la ricostruzione degli inquirenti -, dopo averlo avvicinato ed accusato di "frequentare la chiesa dei cristiani", lo avrebbero minacciato e "violentemente" percosso con calci e pugni, strappandogli una catenina, prima che lo stesso riuscisse a divincolarsi fuggendo. In ospedale gli venivano riscontrate lesioni giudicate guaribili in 30 giorni. Il 17 novembre, il giovane mentre si trovava in un esercizio pubblico nello stesso quartiere, veniva nuovamente avvicinato da due dei tre uomini ritenuti responsabili della precedente aggressione, i quali gli intimavano di ritirare la denuncia e di smettere di frequentare "la chiesa dei cattolici" e al suo diniego uno dei due reagiva violentemente strattonandolo e minacciandolo di morte. La vittima riusciva però in qualche modo a divincolarsi ed a richiedere l'intervento della polizia. La procura di Perugia, ricostruita l'intera vicenda, anche sulla scorta degli elementi d'indagine forniti dalla digos, ha chiesto e ottenuto per tutti l'applicazione della misura della custodia cautelare in carcere. Il gip di Perugia infatti - ha reso noto l'Ufficio guidato da Raffale Cantone - ha ritenuto sussistere gli elementi in ordine alla gravità dei fatti contestati, "valutati i numerosi precedenti di polizia degli indagati e ritenuto alto il rischio di reiterazione del reato", ha disposto per tutti la custodia cautelare in carcere. (ANSA). .

di Ansa   
I più recenti
Papa contro i gay nei seminari, duro attacco parlando ai vescovi
Papa contro i gay nei seminari, duro attacco parlando ai vescovi
Gualtieri e Pogacar, un murales sul Giro in stazione metro Roma
Gualtieri e Pogacar, un murales sul Giro in stazione metro Roma
Seminari aperti ai gay, la frase del Papa: “No, c’è già troppa frociaggine”
Seminari aperti ai gay, la frase del Papa: “No, c’è già troppa frociaggine”
Fine dell'occupazione in Statale, gli studenti smobilitano
Fine dell'occupazione in Statale, gli studenti smobilitano
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...