Tiscali.it
SEGUICI

Conservano un feto nel freezer di casa, coppia di 40enni denunciata

La donna, dopo aver perso il figlio che ha portato in grembo per quattro mesi, lo ha voluto mettere nel congelatore così da poterlo tenere accanto a se. La procura ha ordinato l'autopsia

TiscaliNews   
Foto Ansa
Foto Ansa

Tragedia familiare alla Borghesiana, alla periferia di Roma. Una cittadina di nazionalità romena, dopo aver perso il figlio che ha portato in grembo per quattro mesi, ha voluto congelare il feto nel freezer per poterlo tenere sempre accanto a sè. La donna, assieme al marito (anche lui di nazionalità romena), è stata denunciata dalla polizia per occultamento di cadavere dopo la macabra scoperta.

L'attività investigativa era scattata dopo una segnalazione da parte del policlinico Casilino al cui pronto soccorso si era presentata la donna alle prese con una forte emorragia, a suo dire non provocata da una causa precisa. I medici del reparto di ginecologia che l'avevano visitata avevano scoperto che la fuoriuscita di sangue poteva dipendere solo da un aborto o da un parto prematuro. Così per chiarire le cause e approfondire la vicenda, l'ospedale ha trasmesso il referto medico ai poliziotti del distretto Casilino i quali, una volta entrati in casa della coppia in via Regalbuto, hanno trovato il feto, di quattro mesi, lungo circa 30 centimetri congelato nel freezer. La donna si è giustificata dicendo di aver perso il bambino mentre era in casa dopo essersi sentita male. Sul caso indaga la procura di Roma che ha disposto l'esame autoptico sul feto per chiarire le cause del decesso.

TiscaliNews   

I più recenti

Un uomo minaccia di darsi fuoco in piazza Venezia a Roma
Un uomo minaccia di darsi fuoco in piazza Venezia a Roma
Condannato il responsabile delle minacce di morte a Gratteri
Condannato il responsabile delle minacce di morte a Gratteri
Malattie rare, Roccella: Valorizzare ruolo e competenze donne caregiver nel lavoro
Malattie rare, Roccella: Valorizzare ruolo e competenze donne caregiver nel lavoro
Malattie rare, Graffigna (Cattolica): Figura femminile centrale in patologie e assistenza
Malattie rare, Graffigna (Cattolica): Figura femminile centrale in patologie e assistenza

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...