Tiscali.it
SEGUICI

La compagna e il figlio di Giacomo Bozzoli sono rientrati in Italia dalla Spagna: lui resta latitante

Il latitante e la sua famiglia avrebbero trascorso 10 giorni in un albergo di Marbella. Prende corpo l'ipotesi di un clamoroso depistaggio messo in atto la mattina del 24 giugno quando tra le 5:51 e le 6:03 la Maserati Levante intestata a Bozzoli era stata registrata dai lettori di targa tra Manerba del Garda e Desenzano, in provincia di Brescia

TiscaliNews   
Foto Ansa
Foto Ansa

Si sono divisi i destini di Giacomo Bozzoli della compagna e del figlio. Sono ore cruciali queste in merito alla scomparsa di Bozzoli, latitante da lunedì dopo esser stato condannato in via definitiva l'ergastolo per omicidio dello zio Mario. Secondo le ultimissime ricostruzioni, la compagna è il figlio stanno rientrando in treno dalla Spagna dopo che la famiglia ha trascorso 10 giorni, dal 20 al 30 giugno, in un albergo nel sud del Paese. Giacomo Bozzoli sta dunque proseguendo la fuga da solo.

Documento registrato in Spagna dal 20 al 30 giugno

Il documento del ricercato risulta essere stato registrato in un albergo di Marbella. Dal 1 luglio, giorno in cui è stato condannato in via definitiva, il nome dell'imprenditore 39enne bresciano è scomparso dai radar, mentre in un altro albergo sempre della stessa località è risultato registrato solo il passaporto di lei. Le forze dell'ordine italiane stanno però accertando che sia stato effettivamente lui a depositare il documento in un albergo in Spagna.

Ipotesi depistaggio

Prende corpo l'ipotesi di un clamoroso depistaggio messo in atto la mattina del 24 giugno quando tra le 5:51 e le 6:03 la Maserati Levante intestata a Bozzoli era stata registrata dai lettori di targa tra Manerba del Garda e Desenzano, in provincia di Brescia. Chi era al volante della vettura? E' la domanda alla quale stanno rispondendo gli inquirenti che in queste ore sono concentrati sugli spostamenti del latitante.
 

TiscaliNews   
I più recenti
Favoreggiamento dell'immigrazione, fermati due scafisti
Favoreggiamento dell'immigrazione, fermati due scafisti
Braccianti ridotti in schiavitù, maxi sequestro a due caporali
Braccianti ridotti in schiavitù, maxi sequestro a due caporali
Bozzoli sotto shock, trasferito al carcere di Bollate. Ai pm dice: sono innocente, un testimone...
Bozzoli sotto shock, trasferito al carcere di Bollate. Ai pm dice: sono innocente, un testimone...
Maltempo: forti temporali nell'Alessandrino, alberi abbattuti
Maltempo: forti temporali nell'Alessandrino, alberi abbattuti
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...