Tiscali.it
SEGUICI

Come è morto il piccolo Vincenzo: i primi indagati, l'autopsia e le testimonianze

Già iscritti nel registro dagli inquiirenti sei educatori e la proprietaria della struttura visitata dai piccoli. La versione sul dialogo bimbo-genitori, tutta da verificare

TiscaliNews   

Le prime risposte potrebbe darle l'autopsia che la Procura disporrà nelle prossime ore e che sarà eseguita la prossima settimana. E con l'esame medico-legale arrivano le prime iscrizioni nel registro degli indagati: un atto dovuto che consente alle persone potenzialmente coinvolte nella morte di Vincenzo Lantieri, il bimvo di 10 anni caduto giovedì in un pozzo artesiano nelle campagne di Palazzolo Acreide, di nominare propri consulenti perché assistano a un atto tecnicamente irripetibile. A finire nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio colposo, secondo quanto si apprende, sono sei educatori - che accompagnavano il bambino e un'altra ventina di ragazzi alcuni disabili alla visita a una fattoria didattica prevista dal campo estivo organizzato dalla Fondazione Anffas 'Doniamo Sorrisi'- e Giuseppe Giardina, proprietario della struttura che i bambini avrebbero dovuto visitare e presidente della onlus. Al vaglio della Procura la posizione della volontaria che si è calata nel pozzo per soccorrere la vittima.

Gli accertamento dentro l'ondata di dolore

I Carabinieri, che hanno eseguito un sopralluogo nella zona dell'incidente con la Procuratrice di Siracusa, Sabrina Gambino, e il sostituto Davide Viscardi, hanno comunque già iniziato a sentire i piccoli testimoni, gli amici della vittima che partecipavano alla visita, che avrebbero però fornito versioni diverse dell'accaduto. Alcuni hanno confermato che il bambino è salito sulla copertura del pozzo saltando e che ha sfondato la botola precipitando giù, altri avrebbero riportato un diverso racconto dei fatti. Nelle prossime ore saranno interrogati due responsabili dell'associazione che non erano presenti al momento della tragedia. E soltanto nei prossimi giorni sarà possibile ascoltare tutti gli accompagnatori: una eventuale assunzioni a sommarie informazioni nelle vesti di testimoni, prima quindi dell'iscrizione, e non di indagati potrebbe rendere nulli i racconti acquisiti.

Anche i soccorsi sotto esame

La Procura vuole anche verificare la tempistica dei soccorsi, chi era responsabile della sorveglianza dei bambini e se il pozzo fosse stato messo in sicurezza. Resta tutto da valutare il racconto di Salvatore La Rosa, un uomo che abita vicino all'area in cui si trova il pozzo. "Il bambino dopo essere caduto ha parlato con la madre e il padre, loro lo chiamavano e lui chiedeva aiuto", racconta. Parlando con la Tgr Sicilia ha anche riferito dei tentativi delle educatrici, in particolare della 54enne rimasta ferita, di salvare il piccolo. "La signora è scesa a mani nude là sotto, in attesa dei soccorsi" che, a dire di La Rosa sarebbero arrivati "dopo circa due ore". Parole tutte da verificare: non risulta agli inquirenti ad esempio che i genitori del bambino, che hanno anche altri due figli, abbiano potuto parlarci. Mentre sui tempi dei soccorsi gli investigatori faranno degli accertamenti. "I vigili del fuoco di Palazzolo Acreide - afferma in serata il Dipartimento dei Vigili del Fuoco e del soccorso civile - sono giunti alla Contrada Falabbia in poco più di dieci minuti dalla chiamata di soccorso ricevuta dalla sala operativa". Una volta sul posto, i pompieri "si sono calati immediatamente nel pozzo recuperando la ragazza, purtroppo nulla hanno potuto fare per salvare il bambino".

Il dolore della madre, e la memoria che torna ad Alfredino Rampi

Disperata la madre della piccola vittima: "Il mio cuore si è fermato insieme al tuo cuore in quel maledetto pozzo. Ti amo", ha scritto in un post su Facebook, ricevendo centinaia di commenti di cordoglio. E dall'associazione Rampi, che custodisce la memoria di Alfredino morto in un pozzo artesiano, arriva l'accusa: "da Vermicino nulla è stato fatto per la prevenzione".

TiscaliNews   
I più recenti
Treno fermo per avaria, 500 persone portate in altro convoglio
Treno fermo per avaria, 500 persone portate in altro convoglio
Vari blackout ad Ancona, emergenza all'ospedale pediatrico
Vari blackout ad Ancona, emergenza all'ospedale pediatrico
Scontro auto-monopattino: ferite due adolescenti, una è grave
Scontro auto-monopattino: ferite due adolescenti, una è grave
Per caldo a Roma casi mancanza elettricità, 'monitoraggio h24'
Per caldo a Roma casi mancanza elettricità, 'monitoraggio h24'
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...