Tiscali.it
SEGUICI

Caso Uss: il russo arrestato chiede scarcerazione al Riesame

di Ansa   
Caso Uss: il russo arrestato chiede scarcerazione al Riesame

(ANSA) - MILANO, 18 GIU - Ha chiesto la scarcerazione, con ricorso al Riesame di Milano, Dmitry Chirakadze, 54 anni, aristocratico russo, con legami con funzionari e oligarchi di Mosca, arrestato giovedì scorso con l'accusa di essere stato il "coordinatore" del piano che il 22 marzo dello scorso anno ha portato l'amico e socio d'affari Artem Uss, che era ai domiciliari a Basiglio (Milano) in attesa di estradizione negli Usa, fuori dall'Italia e con un volo fino in Russia, dove si troverebbe tuttora.

L'istanza di revoca della misura cautelare è stata depositata oggi dal suo legale, l'avvocata Tatiana Della Marra. Il 54enne, detto "Dima" e che, tra l'altro, pare sia stato anche vicegovernatore di una regione russa e che ha rischiato in passato anche di essere ucciso, ieri era rimasto in silenzio nell'interrogatorio davanti al gip di Milano Sara Cipolla, che ha firmato l'ordinanza di custodia cautelare in carcere (è detenuto ad Opera) nell'inchiesta dei carabinieri del Nucleo investigativo di Milano e del pm Giovanna Tarzia. Indagine che, dopo che sono stati arrestati nei mesi scorsi anche tre componenti del "commando" che seguiva le disposizioni del 54enne, va avanti per verificare se altri russi, anche probabilmente legati ai servizi segreti, siano coinvolti nell'operazione di "esfiltrazione" e se ci siano stati eventualmente anche "appoggi" in Italia. Si cerca, in sostanza, anche la "vera mente" del blitz. Dagli atti delle indagini viene a galla un intreccio di interessi molto esteso tra "Dima", la famiglia Uss e il potere russo, anche in importanti aziende minerarie e legate ai ministeri. (ANSA). .

di Ansa   
I più recenti
Rinvenuto cadavere in mare, potrebbe essere l'uomo disperso
Rinvenuto cadavere in mare, potrebbe essere l'uomo disperso
E' morto Max Leitner, il re delle evasioni altoatesino
E' morto Max Leitner, il re delle evasioni altoatesino
Giornalista aggredito, Joly al presidio in suo sostegno a Torino
Giornalista aggredito, Joly al presidio in suo sostegno a Torino
Taghi Rahmani, sono la voce delle donne iraniane incarcerate
Taghi Rahmani, sono la voce delle donne iraniane incarcerate
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...