Cane e padrone nella stessa tomba: ma per Fido niente nome né foto sulla lapide

È legge in Lombardia la possibilità che gli animali d'affezione siano tumulati con i loro proprietari. Le ceneri degli amici a 4 zampe potranno essere deposte vicino alle spoglie delle persone con cui ha vissuto

Cane e padrone nella stessa tomba: ma per Fido niente nome né foto sulla lapide
TiscaliNews

È legge in Lombardia la possibilità che gli animali d'affezione siano tumulati con i loro proprietari. La novità è prevista dalla riforma regionale dei servizi funerari, approvata dal Consiglio regionale con 41 sì e 29 no. In base al testo, gli animali d'affezione, "per volontà del defunto o su richiesta degli eredi, possono essere tumulati in teca separata, previa cremazione, nello stesso loculo del defunto il nella tomba di famiglia". La Lombardia è la prima Regione in Italia ad adottare questa norma.

No a foto e nome

Chi vorrà tumulare il proprio animale domestico dovrà farne richiesta agli uffici dei servizi cimiteriali dei Comuni, ai quali è demandata la procedura. Più difficile sarà invece inserire foto e nome dell’animale sulle lapidi. L’aula del Pirellone ha infatti approvato anche un ordine del giorno firmato da Emanuele Monti della Lega che, per «ragioni di decoro», sensibilizza i Comuni lombardi a vietare tale possibilità.

Il centro servizi

Tra le altre novità viene introdotta e riconosciuta la definizione del “centro servizi” inteso come impresa funebre che svolge attività in proprio e fornisce ad altre imprese funebri esistenti requisiti e servizi a norma di legge, e viene meglio definita e regolamentata l’attività di trasporto funebre. Infine, venendo incontro alle esigenze delle imprese in una logica di semplificazione burocratica, l’autorizzazione comunale all’esercizio dell’attività funebre viene sostituita dalla segnalazione certificata di inizio attività (SCIA).

Un documento che fa da apripista nazionale

“Il nostro documento fa da apripista nazionale, mettendo ordine a una materia complessa –ha sottolineato la relatrice del provvedimento Simona Tironi (Forza Italia) – E’ il primo provvedimento normativo in Italia che consente la possibilità di tumulare anche gli animali di compagnia insieme al defunto, andando così incontro alle esigenze e alle richieste pervenute da più parti.

Pd contrario

Ma se i 5 Stelle si dicono entusiasti della nuova legge, il Pd ha più di una perplessità e per questo ha presentato un emendamento alla riforma dei servizi cimiteriali che oggi va al voto in Consiglio regionale: "Rappresenta una complicazione nella gestione dei cimiteri, per i quali i Comuni già sono in affanno per motivi di spazio, perché i servizi funebri stanno trasformandosi sempre più in business anziché in cura della memoria e perché non c'è stato alcun confronto con le confessioni religiose" afferma il consigliere dem e vicepresidente dell'assemblea lombarda Carlo Borghetti spiegando la posizione del gruppo. La possibilità riguarderebbe tombe di famiglia o loculi (non le sepolture a terra), previa cremazione dell'animale e in teca separata. Il Pd lombardo, invece, è favorevole alla sepoltura degli animali nei cimiteri degli umani ma in aree riservate, non nella stessa tomba dei proprietari.