Cadavere nel Pavese: donna arrestata chiede scarcerazione

Cadavere nel Pavese: donna arrestata chiede scarcerazione
di Ansa

(ANSA) - MILANO, 24 GEN - Ha presentato un'istanza di revoca dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere, e in subordine per la concessione dei domiciliari Barbara Pasetti, 44 anni, arrestata per tentata estorsione nell'ambito della vicenda di Luigi Criscuolo, 60 anni, noto a Pavia come "Gigi Bici" per aver gestito per lungo tempo un negozio di rivendita e manutenzione di biciclette. L'istanza è stata formulata dal suo legale, Irene Anrò, dopo l'interrogatorio sostenuto stamani durante il quale la donna, secondo l'avvocato, "ha risposto a tutte le domande e ha fornito la sua versione dei fatti". La decisione del gip è attesa nelle prossime 48 ore e il legale, in caso di risposta negativa, ricorrerà al Riesame. Pasetti, fisioterapista, è la donna che trovò fuori di casa a Calignano di Cura Carpignano (Pavia) il 20 dicembre scorso il cadavere di Gigi Bici, che mancava da casa da novembre e che sarebbe stato ucciso con un colpo di pistola alla tempia. Secondo l'accusa, avrebbe fatto varie richieste estorsive alla famiglia dell'uomo per ottenerne la liberazione ed è indagata anche per omicidio e occultamento di cadavere. La Procura di Pavia ha infatti aperto un fascicolo con le ipotesi di omicidio, sequestro di persona e occultamento di cadavere. A carico della donna vi sarebbero diverse telefonate per sollecitare il riscatto e altre in cui farebbe riferimento all'omicidio. (ANSA).