Da oggi coprifuoco alle 23, riaprono le palestre. No a piscine chiuse e discoteche. Quanto vale il green pass?

Mattarella ha firmato il decreto sulle riaperture. Via libera al pubblico nelle competizioni sportive dal 1° giugno all'aperto e dal 1° luglio al chiuso nei limiti già fissati. Dal 15 giugno si anche ai matrimoni

Da oggi coprifuoco alle 23, riaprono le palestre. No a piscine chiuse e discoteche. Quanto vale il green pass?
Foto Imagoeconomica
TiscaliNews

Con la firma del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e la conseguente pubblicazione del decreto sulle riaperture in Gazzetta ufficiale il coprifuoco, finora fissato alle 22, da domani slitterà alle 23. Il provvedimento entra infatti in vigore il giorno dopo la sua pubblicazione in Gazzetta.

Gli italiani dalle prossime ore potranno cenare fuori o circolare liberamente fino alle 23 e dal 7 giugno rientrare a casa entro mezzanotte o anche più tardi, se la regione in cui vivono o sono in vacanza avrà dati da zona bianca. Da lunedì potremo anche andare di nuovo in palestra e dalla metà di giugno le coppie potranno tornare a festeggiare i matrimoni. Ma di tornare a ballare, per il momento, non se ne parla: le discoteche rimarranno chiuse, unico settore che non ha una data per ripartire. Dura poco più di un'ora e mezza la cabina di regia tra i capigruppo della maggioranza che riscrive le misure per le prossime settimane e che precede il Consiglio dei ministri per tradurre in decreto le decisioni prese.

Coprifuoco addio 

Coprifuoco spostato alle ore 23. Poi dal 7 giugno via al coprifuoco a partire dalle 24. Dal 21 giugno,  ci sarebbe il superamento totale del coprifuoco. Si va, secondo quanto si apprende da fonti di governo, verso una deroga ad hoc sul coprifuoco per la finale di Coppa Italia Atalanta-Juventus, prevista mercoledì 19 maggio alle 21:00.

Regioni bianche

Potrebbero essere sei, se il trend dei contagi non peggiorerà, le Regioni italiane in zona bianca a partire dal 7 giugno. Dal primo giugno dovrebbero entrare in zona bianca Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna. Dal 7 giugno, sempre che il trend dei contagi e delle ospedalizzazioni resti quello attuale, potrebbe toccare ad Abruzzo, Veneto e Liguria. Nelle regioni in zona bianca valgono solo le regole di comportamento (mascherina, distanziamenti). Non c'è coprifuoco.

Pubblico a competizioni sport a aperto da 1/6

La presenza di pubblico è autorizzata per tutti gli eventi e competizioni sportive dal 1 giugno all'aperto e dal 1 luglio al chiuso nei limiti già fissati (capienza non superiore al 25% di quella massima e comunque non superiore a 1000 persone all'aperto e 500 al chiuso), e non più limitatamente alle competizioni di interesse nazionale.

Ristoranti e matrimoni

I matrimoni potranno ripartire dal 15 giugno, ma con il "green pass", e cioè certificazione di vaccinazione o tampone, per i partecipanti. Dal primo giugno i ristoranti e i bar potranno aprire a pranzo e a cena anche al chiuso. E' l'orientamento emerso, a quanto si apprende da più fonti di governo, dalla cabina di regia sul Covid a Palazzo Chigi

Centri commerciali, piscine e palestre e montagna

Gli esercizi commerciali in mercati e centri commerciali, gallerie e parchi commerciali nelle giornate festive e prefestive riapriranno dal 22 maggio, nel primo weekend successivo al decreto legge Covid. Aperture delle palestre il 24 maggio, quella delle piscine al chiuso il 1 luglio. Secondo la stesso cronoprogramma l'apertura dei parchi tematici è prevista il 15 giugno. Gli impianti di risalita in montagna riapriranno dal 22 maggio, alle condizioni indicate dalle linee guida

Discoteche e sale giochi 

Le attività in sale da ballo, discoteche e simili, all'aperto o al chiuso, restano sospese. Mentre è prevista la riapertura dal 1 luglio delle attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò.

Corsi formazione

Dal primo luglio riprenderanno in presenza i corsi di formazione, pubblici e privati

I parametri

Cambiano i parametri delle zone rosse, arancioni e gialle: la guida non sarà più l'RT ma l'incidenza e un altro forte fattore è il tasso di ospedalizzazione, sia in terapia intensiva che in area medica. Arriva una radicale semplificazione - spiegano fonti di governo - dei 21 criteri precedenti, che scendono a 12. 

Validità green pass

L'ipotesi allo studio per il "green pass" è estenderne la durata da sei a nove mesi. Il certificato verde, che permetterà di muoversi liberamente e partecipare ad eventi, potrebbe essere applicato anche ai congressi, che potrebbero riprendere dal 15 giugno con "green pass" e comunque dovrebbero ripartire dal primo luglio anche senza pass. 

Le regole in zona bianca

In zona bianca non si applicano le misure restrittive previste nelle altre fasce: niente coprifuoco alle 22, ma sarebbe spostato alle 23.30 tutte le attività rimaste chiuse o sospese possono ripartire in base a protocolli specifici. Possono riaprire quindi palestre, piscine, bar, ristoranti e altre attività senza restrizioni ministeriali. Resta quindi l’obbligo di indossare sempre la mascherina anche all’aperto e in spazi pubblici e privati mantenendo sempre la distanza interpersonale di 1 metro, mentre è vietato assembrarsi.