[L’analisi] Da madre della riforma costituzionale a bambola sexy come la Bellucci. Il vero volto della Boschi

Toscani la Boschi la mette in vetrina, cioé, esattamente con la stessa lingua iconografica che riserverebbe ad una fanciulla dello star system, ad una top model o ad una attrice. Il secondo punto di verità, però, ce lo mette la Boschi, che in questo panni si trova perfettamente a suo agio: le mani in tasca, il jeans, il lampo di malizia noncurante e studiato, il cambio abiti e la marinaretta indossata con leggerezza, persino la tunica

La Boschi sul set fotografico con Oliviero Toscani (Ansa)
La Boschi sul set fotografico con Oliviero Toscani (Ansa)

Guarda le foto Maria Elena Boschi su Maxim e ti si apre un mondo, studiale meglio e ti si accende una luce in testa. Capelli al vento e poco trucco, tuniche e lenzuola, sorrisi, messaggi promozionali e ammiccamenti. C’é in questo servizio tutto il talento perfido di Oliviero Toscani, lo studio, il mestiere, ed è un gioco d’arte che ci consegna un meraviglioso effetto disvelamento postumo sull’età renziana. Ovviamente è uno sport per trucidoni e minus habens tutto quel basso ingiuriare della rete, alla notizia della cover, come se la Boschi non avesse il diritto di farsi fotografare, o di mettersi in posa, come se ci fosse un giudice morale che avesse il diritto di squalificarla in nome di non si sa quale improbabile codice etico. Al contrario dobbiamo rendere omaggio, ringraziare Toscani per questo meraviglioso effetto glasnost, per la trasparenza che finalmente ha dischiuso al mondo, grazie alla mediazione decisiva del suo sguardo: dirgli grazie per quello che ha aggiunto al quadro di suo,  e sopratutto per quello che ha rivelato di Maria Elena di innato. 

Il "metodo Monica"

Intanto perché il primo tocco d’autore è questo, per chi conosce la storia professionale di Toscani, il primo salto associativo è un transfert: Oliviero tratta la Boschi, ce la racconta per immagini,  esattamente come 35 anni fa aveva trattato e raccontato una giovanissima Monica Bellucci nei primi leggendari servizi della prestigiosa rivista francese “Elle” (quelli in cui scoprì la giovanissima sex symbol di Città di Castello). Toscani la Boschi la mette in vetrina, cioé, esattamente con la stessa lingua iconografica che riserverebbe ad una fanciulla dello star system, ad una top model o ad una attrice. Il secondo punto di verità, però, ce lo mette la Boschi, che in questo panni si trova perfettamente a suo agio:  le mani in tasca, il jeans, il lampo di malizia noncurante e studiato, il cambio abiti e la marinaretta indossata con leggerezza, persino la tunica. Guardi la Boschi “belluccizzata” da Oliviero Toscani, ti metti dall’altra parte dell’obiettivo, e il suo sguardo ti fa capire che sintetizza distilla e  trasmette questa sensazione di gioia innata di Meb: come se nulla di meglio avrebbe potuto fare nella vita, prima o dopo quel servizio. La stessa identica faccia di Matteo Renzi, quando all’inizio della sua scalata si rizzava sulla bicicletta per gli obiettivi, o si metteva in posa con l’ormai celeberrimo giubbotto di Fonzie.

Il racconto di se stessi

La sensazione è potente: questi ragazzi sono molto più vicini ai millennial che ai padri fondatori della repubblica, o ai politici del dopomuro, sono più affini agli ex del Grande Fratello che ai loro militanti, sono più vicini ai social che al sociale: non si mettono davanti alla macchina fotografica, o al loro sofisticatissimo apparato di selfie perché ormai, come tutti i politici del terzo millennio pensano di doverlo fare, ma casomai per il motivo contrario: in tutta la loro attività politica ogni volta che possono, esprimono questo meraviglioso, incontrollato e gioioso narcisismo fotografico e autorappresentativo. Era già chiaro per la copiosità dei vestiti di Scervino, per la generosità delle scollature, per l’ascesa modistica dal vestito Oviesse al taglio dello stilista di Corte. Era già evidente per la tendenza ad abitare Palazzo Chigi come un atelier del possibile, a miscelare pret à porter e nomine, sottogoverno è vanità. Mentre attraversavano il potere, Maria Elena e Matteo pensavano di continuo al racconto di se stessi, alla photo opportunity, alla politica come un press book. Nulla di male, finché questo è covato sotto la cenere. Adesso, con la caccia al lavoretto, alla villa, al “adesso torno a fare l’avvocatessa” l’apoteosi si compie. 

Quei politici che si annoiano

Ecco perché l’effetto di foto-disvelamento è importante: immaginavano il governo come un quadro di videogame, e pensavano di diventare qualcosa a metà strada tra Blair e la Jotti: ma ora appena entrato in Senato o alla Camera, nel ruolo di oppositori, non riescono ad immaginarsi. E soprattutto si annoiano.  Dovresti trovarti (e farti fotografare) dove crollano i ponti, o davanti alle fabbriche che rischiano la chiusura (la Bekaert è dietro casa per entrambi), e invece, come attratti da una drammatica fatalità, li vedi rapiti dal posato, dal cambio abiti, dal programma tv, da Scherzi a parte (Matteo), dall’obiettivo del maestro della fotografia. Erano arrivati a immaginarsi come statisti o padri (e madrine) Costituenti, sono diventati questo. E siccome li vediamo contenti della metamorfosi siamo contenti per loro: finalmente assistiti da un ufficio immagine all’altezza delle loro ambizioni, salutiamo il magico momento-verità in cui i Ferragnez della politica fanno coming out.