Tiscali.it
SEGUICI

L'appello di Mantovano e Locatelli: "La Sanità in Italia non diventi privilegio per ricchi. Evidenti segnali di crisi"

"Chiediamo più risorse, controllo sulla qualità clinica ed efficienza", dicono gli specialisti che chiedono di incentivare i settori più carenti. "Assumere più medici e infermieri". La lettera appello

TiscaliNews   
Corsia di ospedale (Ansa)
Corsia di ospedale (Ansa)

"Voglio continuare a vivere in un paese in cui una persona, se si ammala, debba preoccuparsi solo di guarire. Non di quanto costa la sua cura, o di cosa fare quando scade l'assicurazione". Parole importanti quelle pronunciate da Alberto Mantovani, immunologo e direttore scientifico di Humanitas, in un'intervista a Repubblica dove parla della scelta di sottoscrivere la lettera appello degli scienziati (tra cui il Nobel Parisi) per salvare il Servizio sanitario nazionale. Una scelta dettata come riferisce anche dai dati dell'ultimo rapporto del Censis e dell'Aiop (l'Associazione degli ospedali privati) "secondo cui l'Italia sta andando verso una salute per censo, in cui solo i ricchi riescono a curarsi nel migliore dei modi".

Poi c'è il tema della carenza di medici in determinati settori usuranti. "Oggi gli studenti di medicina sono molto meglio preparati di quando io ero studente. Forse però non riusciamo a trasmettere bene la componente vocazionale di questo mestiere - prosegue -. Ai miei tempi c'era la coda per entrare a chirurgia, oggi la coda si è trasferita a chirurgia estetica. Vivo con angoscia questa mancanza di attrattività da parte di alcuni settori che pure sono il cuore della nostra professione. Penso alla medicina d'urgenza, ma uguale importanza hanno tutte le professioni sanitarie e infermieristiche".

Allo Stato "chiediamo più risorse, controllo sulla qualità clinica ed efficienza. Se getti più risorse in un sistema che spreca, infatti, non farai grandi passi avanti. C'è bisogno di meno burocrazia - conclude -. E serve un uso più appropriato di esami e farmaci, a partire dagli antibiotici. È anche vitale sostenere molto di più la ricerca".

Locatelli: "Ci sono evidenti segnali di crisi"

Dalle pagine del Corriere della sera invece a parlare è Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, che spiega le motivazioni della lettera appello degli scienziati al governo perché stanzi più fondi. "Abbiamo deciso di diffondere questo appello per sensibilizzare tutti e non solo la politica sul tema del Servizio sanitario nazionale, un patrimonio di questo Paese. È fondamentale che anche i cittadini abbiano piena coscienza contribuendo a garantire la sostenibilità di questo bene comune attraverso il pagamento delle tasse dovute". Secondo Locatelli ci sono "evidenti segnali di crisi. La medicina moderna è sempre più complessa. Fondamentale dunque che il numero di medici e infermieri sia adeguato alle necessità - prosegue -. Oggi abbiamo una chiara carenza di personale infermieristico ed è urgente provvedere. Per la parte medica a soffrire di più sono i Pronto soccorso e altre specialità come anatomia patologica e microbiologia".

"L'emergenza-urgenza è una specialità usurante, le altre due non sono attrattive anche perché non assicurano prospettiva di libera professione - aggiunge -. L'iscrizione di giovani medici a queste specialità dovrebbe essere incentivata". Infine più risorse per la prevenzione che è "fondamentale, pensiamo soltanto alle malattie cardiovascolari e oncologiche - conclude -. Gli investimenti sono appena il 5% della spesa complessiva e neanche tutte le risorse destinate alla prevenzione vengono spese".

TiscaliNews   

I più recenti

Un uomo minaccia di darsi fuoco in piazza Venezia a Roma
Un uomo minaccia di darsi fuoco in piazza Venezia a Roma
Condannato il responsabile delle minacce di morte a Gratteri
Condannato il responsabile delle minacce di morte a Gratteri
Malattie rare, Roccella: Valorizzare ruolo e competenze donne caregiver nel lavoro
Malattie rare, Roccella: Valorizzare ruolo e competenze donne caregiver nel lavoro
Malattie rare, Graffigna (Cattolica): Figura femminile centrale in patologie e assistenza
Malattie rare, Graffigna (Cattolica): Figura femminile centrale in patologie e assistenza

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...