Tiscali.it
SEGUICI

Aosta, operatori Pronto soccorso: "Noi vittime dell'odio social"

di Ansa   
Aosta, operatori Pronto soccorso: 'Noi vittime dell'odio social'

(ANSA) - AOSTA, 01 MAR - "La disinformazione diffusa su ciò che realmente accade nel Pronto soccorso, nonché gli attacchi verso di noi provenienti dagli 'haters' sui social media": è quanto denunciano gli operatori del reparto dell'ospedale regionale Parini di Aosta in una lettera aperta rivolta a "tutti, cittadini, professionisti dell'informazione, esponenti pubblici e politici". "Purtroppo, negli ultimi tempi, siamo stati oggetto - spiegano amministrativi, oss, infermieri e medici - di una serie di aggressioni verbali sui social media (tutte documentate).

Si tratta di comportamenti inaccettabili sia da parte di chi esplicitamente denigra e insulta, sia da parte di chi, non moderando la discussione e, anzi, in qualche modo istigando all'odio, contribuisce ad alimentare disinformazione e restituisce una immagine assolutamente distorta della realtà". In questo senso "la diffusione di notizie non veritiere ha un impatto significativo sulla percezione pubblica del lavoro di tutti noi operatori sanitari e sul nostro morale, alimenta un clima di ostilità e interferisce con il nostro impegno quotidiano e con l'intero sistema dell'assistenza sanitaria". Quindi, "in un momento in cui il Servizio sanitario pubblico è in forte difficoltà in tutto il Paese, minarne attraverso azioni mirate e dolose la credibilità ci sembra sconsiderato e irresponsabile perché distrugge il rapporto di fiducia tra gli utenti/pazienti e gli operatori che se ne prendono cura e arreca un danno gravissimo che ricade su entrambi". (ANSA). .

di Ansa   

I più recenti

Un uomo minaccia di darsi fuoco in piazza Venezia a Roma
Un uomo minaccia di darsi fuoco in piazza Venezia a Roma
Condannato il responsabile delle minacce di morte a Gratteri
Condannato il responsabile delle minacce di morte a Gratteri
Malattie rare, Roccella: Valorizzare ruolo e competenze donne caregiver nel lavoro
Malattie rare, Roccella: Valorizzare ruolo e competenze donne caregiver nel lavoro
Malattie rare, Graffigna (Cattolica): Figura femminile centrale in patologie e assistenza
Malattie rare, Graffigna (Cattolica): Figura femminile centrale in patologie e assistenza

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...