Tiscali.it
SEGUICI

Amianto, muore di mesotelioma a 54 anni, condanna per Inps

di Ansa   
Amianto, muore di mesotelioma a 54 anni, condanna per Inps

(ANSA) - L'AQUILA, 21 FEB - La Corte d'Appello dell'Aquila ha condannato l'Inps a riconoscere le maggiorazioni amianto e a ricostruire la posizione contributiva di Luigi Vitullo, morto a 54 anni di mesotelioma pleurico epitelioide a causa dell'esposizione professionale alla fibra. Le perizie tecniche-ambientali del consulente tecnico d'ufficio (Ctu) confermano che l'operaio chietino, che dal 1976 al 1987 ha prestato servizio in diverse aziende nella provincia di Chieti, durante le sue mansioni è stato esposto direttamente e indirettamente a polveri e fibre di amianto. Ad assistere come legale la famiglia di Vitullo è stato il presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto (Ona), Ezio Bonanni.

Un compito particolarmente rischioso era la manipolazione di lastre di cemento amianto soggette a usura e spesso abbandonate nel cantiere. Nonostante il divieto di utilizzo introdotto dalla legge 257/92, Vitullo e i colleghi fino a metà degli anni '90 hanno usato strumenti di protezione realizzati in amianto. Tutti gli operai, non informati dei rischi per la salute e senza che le aziende avessero adottato strumenti di prevenzione tecnica, quali aspiratori per le polveri o maschere e tute monouso, portavano involontariamente a casa abiti contaminati con polvere e fibre di amianto, esponendo anche i familiari. L'esordio della malattia per Vitullo risale a maggio 2015, a giugno la diagnosi di mesotelioma viene confermata. L'uomo muore ad Ancona un mese dopo. La battaglia giudiziaria, ricorda una nota dell'Osservatorio, iniziò contro l'Inail, che nel 2019 ha riconosciuto il diritto in via amministrativa. L'Inps anche dopo il riconoscimento dell'Inail ha continuato a negare l'esposizione ad amianto nonché benefici e prestazioni aggiuntive del Fondo Vittime Amianto spettanti alla vedova, Antonietta Cicchini, che all'epoca della morte del marito aveva 50 anni, costringendo a una nuova causa. La domanda in primo grado è stata rigettata, ma in appello il ricorso è stato accolto. L'Istituto è stato condannato al ricalcolo della pensione di indennità con un aumento di circa 5mila euro all'anno. Inoltre, la donna dovrà percepire 80mila euro circa tra gli arretrati dell'Inps e quelli dell'Inail. (ANSA). .

di Ansa   
I più recenti
Conte, è evidente che la Meloni non sa nulla di economia
Conte, è evidente che la Meloni non sa nulla di economia
Un Tristano e Isotta da applausi al Massimo di Palermo
Un Tristano e Isotta da applausi al Massimo di Palermo
Domani ci sarà lo sciopero nazionale dei taxi
Domani ci sarà lo sciopero nazionale dei taxi
Euro falsi venduti su Telegram e pagati in ciptovalute, arresti
Euro falsi venduti su Telegram e pagati in ciptovalute, arresti
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...