Allarme epidemia bostrico nelle foreste colpite da tempesta Vaia

di Askanews

Milano, 25 nov. (askanews) - Settemila ettari di foresta e circa3 milioni di metri cubi di legname danneggiato nelle aree giàdevastate dalla tempesta Vaia. La causa è il bostrico, uncoleottero che si nutre prevalentemente di alberi deboli o mortima che, grazie alla sovrabbondanza di legname schiantato, hacominciato ad attaccare le piante sane, riproducendosi ad unritmo preoccupante. In prospettiva, entro 5 anni, si stima che imetri cubi di legname bostricato, quindi inutilizzabile o discarso valore, supereranno gli 8,7 milioni già abbattuti da Vaia,con un danno economico per la filiera del legno pari a circa 350milioni di euro, oltre ad un ingente danno ambientale: 11 milionidi tonnellate di CO2 rilasciate dalle foreste morte, oltre allaCO2 che non verrà catturata, pari a quelle emesse mediamente inun anno da 5 milioni di automobili. E' l'allarme diffuso daEtifor, spin-off dell'Università di Padova impegnato in tutto ilmondo nella valorizzazione del patrimonio naturale, a seguito diun convegno sul tema tenutosi il 16 novembre e organizzato conesperti del mondo accademico, imprese e funzionari pubblici dellearee interessate.Lucio Brotto, socio fondatore di Etifor, spiega nei dettagli cosasta accadendo.Etifor, sul suo portale per interventi di riforestazione incrowdfunding wownature.eu, consente a enti pubblici, aziende esingoli cittadini di supportare attivamente i proprietari dialcuni dei terreni colpiti sui quali è urgente intervenire.