Tiscali.it
SEGUICI

Uccise il padre violento con 34 coltellate, in appello chiesta una condanna a 14 anni

In primo grado Alex Pompa era stato assolto. Per i giudici si trattò di legittima difesa in una "lotta ingaggiata per sopravvivere". Il pm: "Questo è un omicidio e ci vuole coraggio. Il coraggio di condannare"

TiscaliNews   
Alex Pompa e la madre
Alex Pompa e la madre (Foto Ansa)

In primo grado Alex Pompa era stato assolto. Ma ora in appello il pm chiede una condanna a 14 anni di carcere per il giovane, ora 21enne, che il 30 aprile del 2020 a Collegno uccise con 34 coltellate sferrate con sei coltelli diversi, il padre, Giuseppe, 52 anni. L'aveva fatto per difendere la madre nel corso dell'ennesima lite in famiglia. Immediatamente dopo l’omicidio il ragazzo  aveva chiamato i carabinieri confessando il delitto commesso.

L'assoluzione per legittima difesa

Secondo la corte d'Assise di Torino, che in primo grado aveva assolto Alex, si trattò di legittima difesa in una "lotta ingaggiata per sopravvivere". I giudici avevano stabilito che il ragazzo, difeso dagli avvocati Claudio Strata e Giancarla Bissattini, si stava difendendo da un padre violento e aggressivo che quella sera avrebbe potuto sterminare la famiglia. Una tesi che potrebbe essere rivista in appello. Nel frattempo, Alex e il fratello hanno cambiato cognome: non più Pompa, come il padre Giuseppe, ma Cotoia. Inoltre il 21enne  si è iscritto all’Università dove sta affrontando il corso di Scienze della Comunicazione con voti molto alti,

Il processo d'Appello 

Il processo si sta celebrando in corte di Assise di appello a Torino. A formulare la proposta di condanna è stato il pg Alessandro Aghemo, lo stesso magistrato che aveva sostenuto l'accusa nel processo di primo grado. "È chiaramente un caso che scuote le coscienze. Ma questo è un omicidio e ci vuole coraggio. Il coraggio di condannare", ha detto in aula il magistrato. "Alex in aula ha deciso di non rispondere all'interrogatorio perché aveva già detto tutto quello che ricordava di quella notte al pm che era intervenuto nell'immediatezza e poi al gip che aveva convalidato l'arresto", spiega il suo legale, Claudio Strata. Oggi più di allora "ho ricordi frammentari e confusi" ha detto Alex in aula, che non si sentiva di rispondere alle domande.

TiscaliNews   
I più recenti
Torino, Brahim Baya: Decisione del questore e' scandalosa
Torino, Brahim Baya: Decisione del questore e' scandalosa
Schlein: Toti ed il silenzio degli indecenti
Schlein: Toti ed il silenzio degli indecenti
Scuola Sant'Anna Pisa porta al Festival la robotica medica
Scuola Sant'Anna Pisa porta al Festival la robotica medica
Giubileo, Fisichella: 'Bene piazza Pia ma degrado vie limitrofe'
Giubileo, Fisichella: 'Bene piazza Pia ma degrado vie limitrofe'
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...