Tiscali.it
SEGUICI

Torture al Beccaria, le immagini dell’orrore e i racconti shock. Ragazzi picchiati e trascinati per il collo nei corridoi

La "scena cruenta" di un pestaggio su un detenuto di 15 anni, con i fotogrammi delle violenze riprese dalle telecamere interne, viene a galla da un'annotazione del 15 marzo scorso, redatta dal Nucleo investigativo regionale della Polizia penitenziaria

di Igor Greganti e Francesca Brunati   

La "scena cruenta" di un pestaggio su un detenuto di 15 anni, con i fotogrammi delle violenze riprese dalle telecamere interne, viene a galla da un'annotazione del 15 marzo scorso, redatta dal Nucleo investigativo regionale della Polizia penitenziaria e agli atti dell'inchiesta della Procura di Milano su torture e maltrattamenti nel carcere minorile Beccaria, che una settimana fa ha portato in carcere 13 agenti e alla sospensione di altri otto colleghi.

Le violenze

Nell'annotazione si parla, in particolare, dell'episodio avvenuto l'8 marzo, una delle imputazioni contenute nell'ordinanza cautelare. Quel giorno il 15enne, che in precedenza si era procurato tagli "sulle braccia", sarebbe stato prima "condotto fuori dalla cella" da quattro agenti e poi trascinato per le scale, "tirandolo anche dal braccio sanguinante", da uno di loro. Due degli agenti, poi, stando alle imputazioni, lo avrebbero spinto "contro il muro" e colpito "ripetutamente alla testa e al torace" fino a "farlo cadere a terra". A quel punto uno degli agenti lo avrebbe colpito, quando era a terra, "con numerosi calci".

La ricostruzione con le immagini

Agli atti dell'inchiesta dell'aggiunto Letizia Mannella e dei pm Rosaria Stagnaro e Cecilia Vassena e condotta anche della Squadra mobile, vengono ricostruite immagine per immagine le fasi delle presunte violenze e si legge che quei quattro agenti erano "in abiti civili", ossia senza divise. L'annotazione si basa sui "video tratti dal sistema di videosorveglianza" e mostra che verso le 18.57 gli "agenti conducono fuori dalla camera il detenuto", che si "oppone all'accompagnamento". Sono "nitidamente visibili alcune lesioni da taglio sanguinanti al braccio sinistro". Gli investigatori segnalano i nomi dei quattro agenti, poi arrestati o sospesi.

Il 15enne pestato

Verso le 19.10 le telecamere riprendono il 15enne che torna verso la cella con una fasciatura al braccio, dopo essere stato medicato in infermeria. Prima, però, dopo che il ragazzo è stato portato fuori dalla cella, c'è "una sequenza di immagini da cui si coglie" che uno degli agenti lo "sbatte al muro, gli dà uno schiaffo", mentre lo "trascina e sbilancia con la mano destra". Il 15enne "cade a terra" e l'agente "insiste con un calcio sferrato con il piede sinistro". Un altro degli agenti poco dopo "si occuperà - si legge - di approntare il vitto per i ragazzi del gruppo". Operazione in cui verrà "aiutato dai ragazzi" detenuti.

Pure un'altra telecamera, si precisa nell'annotazione, ricostruisce "inequivocabilmente" il momento in cui l'agente "scaglia" il 15enne contro il muro e "gli sferra uno schiaffone". La scena "cruenta", tra l'altro, viene "visualizzata parzialmente anche" da una telecamera vicino all'infermeria: si vede "un materasso posizionato a terra" su cui il ragazzo "cade". Si vedono, poi, anche "quattro persone probabilmente sanitari che, sentito il trambusto, si spostano nel locale infermeria", dove è entrato il ragazzino. Infine, si legge ancora, dopo essere stato riportato in cella e dopo il passaggio in infermeria, il 15enne viene "nuovamente prelevato" da due agenti e portato in un "ufficio al piano terra" dove rimarrà "per circa otto minuti". Là, secondo l'informativa, non vi sarebbero state ulteriori condotte "violente".

Le coperture

Intanto, oltre alle otto vittime accertate nell'ordinanza, le indagini si concentrano su altre presunte violenze (una decina i detenuti che saranno ascoltati) e pure sulle sospette omissioni e coperture di personale sanitario, educativo e dei vertici della struttura, tanto che sono indagate le due ex direttrici.

I cappellani

Come persone informate sui fatti sono stati sentiti anche don Gino Rigoldi e don Claudio Burgio, ex ed attuale cappellano del carcere minorile. Infine, davanti al gip Stefania Donadeo, ha parlato anche per quasi due ore, cercando di difendersi, l'ex comandante della Polizia penitenziaria Francesco Ferone, sospeso e accusato di aver falsificato le relazioni. Nei giorni scorsi hanno raccolto i racconti dei due religiosi che in sostanza hanno ripetuto di essere "dispiaciuti" per non essersi accorti delle violenze nei confronti dei ragazzi. Hanno spiegato che in alcuni casi hanno visto dei segni e di aver pensato che fossero dovuti a litigi tra i minorenni, i quali sono comunque sembrati "reticenti": in quel clima "infernale", come lo ha definito il gip Stefania Donadeo nell'ordinanza di custodia cautelare, e forse per paura, hanno preferito non dire nulla ai due cappellani.

 

La testimonianza di un 17enne 

"Lo conosco (...) Ha partecipato all'aggressione, aveva dei guanti neri e mi tirava gli schiaffi in faccia, ma non li sentivo perché gli altri mi tiravano colpi ovunque, nei giorni successivi mi ha chiesto scusa, ha provato ad aggredirmi anche altre volte ma non ci è riuscito". Così un 17enne, che era detenuto nel carcere minorile Beccaria di Milano, ha effettuato il riconoscimento di uno dei sette agenti della Polizia penitenziaria che lo avrebbero pestato il 18 novembre del 2022. Si tratta di uno degli episodi già contenuti nell'ordinanza che ha portato in carcere, una settimana fa, 13 agenti e alla sospensione di otto colleghi. Il ragazzo sarebbe stato accusato di aver appiccato un incendio nella struttura e poi per questo "punito".

Il riconoscimento degli agenti

Nel verbale, agli atti delle indagini, del 20 marzo scorso, davanti ai pm e agli investigatori, il giovane, tra l'altro assistito da un legale perché accusato a sua volta di resistenza a pubblico ufficiale, effettua i riconoscimenti fotografici degli agenti che avrebbero preso parte all'aggressione. Di alcuni agenti, le cui foto vengono mostrate una dopo l'altra, il ragazzo dice "questa è una brava persona". Di un altro, invece, precisa: "Ha preso due o tre volte a schiaffi dei ragazzi egiziani che dovevano stare solo un mese (...) ho sentito il rumore degli schiaffi". Di un altro ancora mette a verbale: "C'era la sera dell'incendio, mi ha accusato, non mi ha colpito ma era dentro la stanza mentre gli altri mi aggredivano". E ancora: "questo ogni tanto mi ha dato qualche schiaffo o per scherzare e mi ha fatto male (...) nel 2023 ha picchiato un ragazzo tunisino che era in infermeria e si era fatto male". Il ragazzo a verbale conferma, inoltre, che riferì dell'aggressione alla psicologa, una delle prime a segnalare le violenze, e a sua madre.

di Igor Greganti e Francesca Brunati   
I più recenti
Finge aggressione e insulta i poliziotti, arrestato tik toker
Finge aggressione e insulta i poliziotti, arrestato tik toker
Boss mafia turca era stato vittima di un'intimidazione a Crotone
Boss mafia turca era stato vittima di un'intimidazione a Crotone
OpenAI, 'la nostra intelligenza artificiale è abbastanza sicura'
OpenAI, 'la nostra intelligenza artificiale è abbastanza sicura'
Il Papa, 'viviamo una guerra mondiale, preghiamo per la pace'
Il Papa, 'viviamo una guerra mondiale, preghiamo per la pace'
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...