Virus informatici nelle mail: la Polizia chiude diciassette falsi siti web dell'Enel

Nell'elenco anche enel24.net, enel24.org, enelservizio.com, enelservizio.net, enel24.com, enel-elettrico.org, enel-elettrico.com, enel-elettrico.net, enelelettrico.org

dida:
TiscaliNews

Diciassette falsi siti web dell'Enel vengono chiusi in queste ore nell'ambito di una vasta operazione della Polizia di Stato scattata stamattina. Nei falsi siti - spiega la Polizia postale - si celava un pericoloso virus informatico che aveva mietuto vittime tra privati cittadini e soggetti pubblici: la truffa consisteva nell'invio di e-mail, apparentemente inviate dalla società 'Enel Spa', contenenti link che una volta cliccati erano in grado di infettare irreversibilmente i pc della vittima.

In particolare, spiega una nota della Polizia, "nelle ultime settimane si era assistito ad un massiccio incremento della campagna di diffusione del malware noto come 'Cryptolocker'. Si tratta di un trojan comparso intorno alla fine del 2013 ed è una forma di ransomware che infetta i sistemi Windows, criptando i dati della vittima e richiedendo un pagamento per la decriptazione, in genere non meno di 300 euro". "La somma - prosegue la nota - spesso deve essere pagata in Bitcoin, una moneta virtuale che non viene controllata da alcuna autorità centrale, ma viene gestita autonomamente attraverso i siti di cambio (oggi un Btc vale circa 220 euro)".

La segnalazione di questa nuova campagna - spiega inoltre il comunicato - era giunta al sito www.commissariatodips.it che aveva immediatamente provveduto ad allertare la competente unità del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni. In questa ultima versione, "la minaccia si è presentata attraverso un considerevole invio di email apparentemente inviate dalla società "Enel SpA" nelle quali si invitava l'utente a visitare un link in cui erano presenti i dettagli di una bolletta per la fornitura di energia elettrica. Una volta cliccato sul link, si approdava ad un falso sito web della suddetta società su cui era presente un pulsante tramite il quale scaricare il file della bolletta, ma in realtà tale pulsante consentiva il download del malware sui pc delle vittime.

E' da evidenziare che sia le email fraudolente sia i falsi portali web risultavano ben costruiti e le informazioni in essi contenute risultavano scritte in perfetto italiano", sottolinea la polizia. L'elenco dei falsi siti Enel ospitanti il malware comprende: enel24.net, enel24.org, enelservizio.com, enelservizio.net, enel24.com, enel-elettrico.org, enel-elettrico.com, enel-elettrico.net, enelelettrico.org, enelelettrico.com enelelettrico.net, enel-italia24.net, enel-italia24.com enelitalia-servizio.net, enelitalia-servizio.org, enelitalia-servizio.com, enelitalia.net. "Alcuni dei siti, tutti collocati all'estero, risultavano attestati su server situati in Turchia e in Russia, pertanto grazie ad una pronta e capillare attività, anche in coordinamento con i competenti uffici di sicurezza informatica di Enel, gli investigatori del Servizio Polizia Postale hanno provveduto ad attivare la rete internazionale 24/7High Tech Crime del G8per richiederne la immediata chiusura.

L'apporto fornito dai partner internazionali, in particolare dal Department of Cybercrime della polizia turca e dal Dipartimento K del Ministero degli Interni russo, è risultato determinante ed in poco tempo tutti i siti sono stati chiusi. Questa operazione ha costituito un'ulteriore,decisiva, azione di contrasto al pericoloso fenomeno dei ransomware la cui diffusione è in costante aumento in tutto il mondo", conclude la nota.