Tiscali.it
SEGUICI

Milan sotto inchiesta: dubbi sul fondo indicato al cda per l'acquisto della società

Pm Milano: "Non compare come riferibile a RedBird negli atti statunitensi". Il presidente Attilio Fontana: "Vedere le carte prima di dare giudizi"

Carlo Ferraioli di Carlo Ferraioli   
Milan sotto inchiesta: dubbi sul fondo indicato al cda per l'acquisto della società
A sinistra, Giorgio Furlani. A destra, Ivan Gazidis

Ci sono "rilevanti discrepanze" tra quanto comunicato da RedBird, il fondo di Gerry Cardinale che ha comprato il Milan nell'agosto 2022, alla Sec, la commissione di vigilanza sui mercati statunitense, e quanto riferito, invece, "al consiglio di amministrazione" del club "in merito alla provenienza dei fondi utilizzati per finalizzare l'acquisto delle azioni" della società rossonera.

È uno dei temi, come emerge dal decreto di perquisizione eseguito ieri, 12 marzo, dal Nucleo speciale di polizia valutaria della Gdf, su cui si stanno concentrando le indagini della Procura di Milano, che vedono tra gli indagati l'ad Giorgio Furlani e il suo predecessore, Ivan Gazidis. In particolare, stando agli atti, al cda del Milan, l'11 giugno 2022, ossia prima del closing, sarebbe stato comunicato che a versare 400 milioni di euro, ovvero una parte dell'oltre un miliardo per l'acquisto, sarebbe stato il fondo 'Rb Fund Iv Fc Aiv Cv' che non compare, invece, negli atti inviati da RedBird alla Sec. Dal 'form adv' aggiornato al 31 marzo 2023 depositato alla Sec, infatti, scrivono i pm che indagano con l'ipotesi che Elliott controlli ancora il Milan, risulta che quel fondo indicato per l'acquisto al cda rossonero "non sia un fondo di investimento gestito da RedBird". Da qui il sospetto, secondo l'accusa, che "la maggior parte del capitale utilizzato per la compravendita" sia "proveniente da un veicolo societario non riferibile a RedBird".

40 parole chiave

Sono oltre 40 le parole chiave da utilizzare per la "ricerca mirata dei documenti di interesse investigativo" nei dispositivi telefonici, supporti informatici e telematici, sequestrati ieri all'ad del Milan Giorgio Furlani e del suo predecessore Ivan Grazidis, due dei quattro indagati nell'inchiesta della Procura di Milano sulla cessione, ritenuta dubbia, della squadra rossonera dal fondo Elliott a RedBird avvenuta nell'estate 2022.

Lo si legge nel decreto di perquisizione e sequestro eseguito dal Nucleo Speciale di Polizia Valutaria della Gdf su delega dei pm Giovanna Cavalleri e Giovanni Polizzi che hanno ipotizzato il reato di ostacolo all'attività di vigilanza della Figc per l'assenza di trasparenza e completezza nella comunicazione "sull'effettiva proprietà della società". Le parole indicate nell'atto saranno la guida per la ricerca di elementi utili alle indagini a partire dal dicembre 2021: si va da redline a prince, da vendor notes e confidentiality letter a lille e tolosa. E poi, oltre ai nomi dei fondi e società coinvolti nella compravendita, ci sono i termini come kaiser, pegno, stock, zoro, vento, genio, covisoc e investorcorp.

Inquirenti e investigatori in questo modo cercano riscontri alla loro ipotesi, ritenendo inoltre "necessario - si legge nell'atto - approfondire i diversi passaggi delle trattative attualmente in corso in vista della prospettata prossima cessione di parte delle azioni di Ac Milan spa agli investitori interessati".

Dubbi sul fondo

Negli atti dei pm viene ricostruito il "contratto di vendita delle azioni" del Milan, siglato il 31 agosto di due anni fa, da cui emerge che RedBird per comprare il club avrebbe, da un lato, versato 600milioni di euro sul "conto corrente lussemburghese di Rossoneri", veicolo societario riferibile ad Elliott. E, dall'altro lato, per pagare i rimanenti 560 milioni di euro si sarebbe avvalso di un "vendor loan agreement", ovvero di un 'prestito del venditore', un finanziamento "concesso dallo stesso venditore" Elliott.

Una modalità, secondo gli inquirenti, con cui Elliott avrebbe mantenuto il controllo sulla società. La società lussemburghese Rossoneri, attraverso la quale è avvenuta la vendita, spiegano i pm Giovanni Polizzi e Giovanna Cavalleri, prima del closing "aveva trasmesso ai consiglieri di Ac Milan" una lettera "contenente una breve descrizione del procedimento di vendita" per permettere al cda di "esprimere un gradimento informato". E 'l'appendix B' di quella missiva chiariva che le azioni sarebbero state comprate attraverso 'Footballco intermediate' con "capitale fornito da fondi gestiti da RedBird". E che dei 600 milioni da versare, 200 sarebbero arrivati da "Kaiser Permanente", un consorzio americano del settore medico, e i restanti 400, appunto, da "RedBird Fund Iv Fc Aiv Cv".

Un fondo, come comunicato al cda, "collegato direttamente a Rb Fc Holdings Cv, ulteriore private fund gestito da RedBird". Da qui le "discordanze", perché nei documenti inoltrati alla Sec compare nella struttura societaria di RedBird solo il secondo fondo e non il primo, che "avrebbe dovuto fornire una parte del capitale". Tutto ciò, tra l'altro, in un quadro in cui, come sottolineano i pm, dopo la vendita "i componenti del board" del Milan "in quota al fondo Elliott sono rimasti immutati nelle rispettive cariche".

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana

A. Fontana: "Sul Milan vedere le carte prima di dare giudizi"

"Non ho idea di cosa ci sia veramente sotto a questa faccenda, se ci siano dei dati effettivi o delle supposizioni. Mi sembra di aver letto che tutto nasce da un esposto di qualche parte che evidentemente aveva interessi contrari, bisognerebbe vedere le carte per dare dei giudizi", così il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, parlando a margine di un evento al Pirellone sulle indagini che vedono coinvolti alcuni dirigenti del Milan.

Secondo Fontana "è chiaro che ancora una volta mi sembra che non siano gli aspetti sportivi che prevalgono - ha spiegato - ma questioni formali che valuteranno i magistrati". Sull'eventuale ristrutturazione di San Siro e sulla possibilità che arrivi prima delle Olimpiadi, il governatore ha aggiunto: "Nessuno ha visto progetto e cronoprogramma, non mi sembra che ci siano ancora gli elementi neanche da parte del Milan per dire sì o per dire no - ha concluso - mi sembra di capire che il Milan ha posto alcune condizioni, adesso dovremo valutare cosa emergerà".

Pm Milano: "Indagini anche sul prezzo di vendita del Milan"

C'è anche la congruità del prezzo della vendita del Milan tra i temi al centro dell'inchiesta milanese che pone dei dubbi sulla effettiva cessione della squadra rossonera dal fondo Elliott a RedBird.

È quanto si è appreso da ambienti giudiziari milanesi. Il club è stato comprato formalmente per circa 1 miliardo e 200 milioni di euro, cifra che negli ambienti è da tempo ritenuta troppo alta. Le indagini puntano a far luce anche sul motivo della presunta simulazione di compravendita. La Gdf e i pm sono già al lavoro sulle carte sequestrate ieri per accertare le ragioni che ci sarebbero dietro l'operazione.

Il Tribunale di Milano
Carlo Ferraioli di Carlo Ferraioli   
I più recenti
Autovelox non omologati, Comune di Trieste sospende utilizzo
Autovelox non omologati, Comune di Trieste sospende utilizzo
Tende pro Palestina alla Statale, la Procura apre un'inchiesta
Tende pro Palestina alla Statale, la Procura apre un'inchiesta
Lasciano il cane chiuso nell’auto sotto al Sole, salvo grazie all’intervento di un passante
Lasciano il cane chiuso nell’auto sotto al Sole, salvo grazie all’intervento di un passante
Ladri all'Agenzia delle Entrate, rubati oggetti dei dipendenti
Ladri all'Agenzia delle Entrate, rubati oggetti dei dipendenti
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...