Improvviso attacco invernale, crollo delle temperature e ritorno della neve: ecco dove

Nella seconda parte della settimana, grazie alla rimonta di un campo di alta pressione che dall'Europa sudoccidentale si estenderà verso il Mediterraneo centrale e l'Italia rispristinando anche tempo più stabile

TiscaliNews

Dopo le feste pasquali trascorse con un tempo in prevalenza asciutto e con un clima più fresco, la situazione muterà nuovamente da martedì 6. Dal lontano Polo Nord aria fredda si tufferà sul Mediterraneo dando vita a una veloce, ma incisiva, parentesi invernale.

Forti venti di Bora e poi Grecale

Il tempo peggiorerà velocemente dalle Alpi verso il Triveneto e l'Emilia Romagna con precipitazioni a tratti temporalesche e nevose a quote fino in valle sulle Alpi e in collina (3-500 metri) sugli Appennini emiliano-romagnoli. Col passare delle ore il maltempo scenderà verso Marche, Toscana, Umbria, Lazio e infine Abruzzo e Molise mentre qualche rovescio potrà interessare il bresciano, il mantovano e il cremonese.

La neve a quote via via più basse

Assieme al vento freddo le temperature subiranno un ulteriore crollo andando sotto la media del periodo di quasi 15°C Basti pensare che di giorno non si supereranno i 9-13°C, mentre di notte si andrà addirittura sotto lo zero, specie sulla Pianura Padana. Mercoledì il maltempo si porterà verso Sud interessando principalmente gli Appennini sempre con nevicate a quote collinari, nel frattempo al Nord avanzerà un'area di alta pressione che tra giovedì e venerdì ristabilirà il bel tempo su tutte le regioni. Tempo che diverrà a tratti instabile in giornata sulle regioni adriatiche centrali e al Sud con rovesci che diverranno più frequenti nel pomeriggio su Marche interne, Abruzzo, basso Lazio, Campania interna, Lucania e alta Calabria e neve già dai 600/800m sull'Appennino, in calo a 400m in serata.

Gelate tardive 

Farà freddo soprattutto sulle Alpi e lungo l'Appennino con il ritorno di alcune gelate nottetempo e al primo mattino. Rischio per qualche brinata tardiva anche a fondovalle e fin sulle zone di pianura del Centro-Nord tra mercoledì e giovedì, specie in aperta campagna. Attese temperature minime intorno a 0/-2°C giovedì a Verona e Firenze, anche leggermente inferiori a Rieti e Arezzo. Gelido sulle Alpi con punte di -15°C mercoledì a 1500m.

Rialzo termico da giovedì

Nella seconda parte della settimana, grazie alla rimonta di un campo di alta pressione che dall'Europa sudoccidentale si estenderà verso il Mediterraneo centrale e l'Italia rispristinando anche tempo più stabile, ma le minime risentiranno ancora per qualche giorno degli effetti dell'irruzione fredda, mantenendosi prossime o poco superiori allo zero fino a venerdì su tratti del Centro-Nord, mentre cominceranno a salire in modo più deciso nei valori diurni.