Tiscali.it
SEGUICI

Festa della Repubblica, Mattarella e Meloni alle celebrazioni del 2 giugno. "Le Forze armate garantiscono sicurezza e pace"

Frecce tricolore e oltre 5.500 invitati tra militari e civili per la tradizionale parata del 2 giugno ai Fori Imperiali a Roma. Meloni: "Patria è fare sacrifici insieme"

TiscaliNews   

Si è conclusa poco dopo le 12 la tradizionale parata del 2 giugno ai Fori Imperiali, a Roma. Oltre 5.500 invitati tra militari e civili alla cerimonia. Come da protocollo ad aprire le celebrazioni è stata l'alzabandiera presso l'Altare della Patria, a cui è seguito poi l'omaggio al Milite Ignoto del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e il sorvolo delle Frecce Tricolore. Anche Giorgia Meloni, presidente del consiglio, presente a piazza Venezia, accolta dagli applausi della folla assiepata davanti all'Altare della Patria. In piazza Venezia presenti anche il ministro della Difesa, Guido Crosetto, il presidente della Camera, Lorenzo Fontana, e del Senato, Ignazio La Russa.

Mattarella: "Forze armate garantiscono sicurezza e pace"

"Ai valori della Repubblica e della Costituzione si ispira l'azione delle Forze Armate, che contribuiscono in maniera significativa alla cornice di sicurezza della nostra comunità nazionale e alla causa della pace nel mondo". Lo scrive il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio inviato al Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone in occasione della festa della Repubblica.

"La comunanza di intenti e la sinergia che esprimono con i contingenti di altri Paesi, nell'ambito delle missioni determinate dalla comunità internazionale sono elementi cruciali per la costruzione di una architettura di sicurezza condivisa, fondamento di stabilità sociale e benessere collettivo" ha proseguito il Presidente, per il quale "l'orizzonte di una difesa europea realmente integrata è la nuova sfida che attende le Forze Armate".

"I riconoscimenti degli alleati e dei Paesi amici, la stima e l'affetto delle popolazioni che i nostri militari assistono - ha sottolineato - sono prova eloquente della qualità del loro impegno e della credibilità conquistate nelle missioni di pace e di sicurezza al servizio del bene comune". Mattarella ha assicurato che "ad oltre un anno di distanza, la Repubblica Italiana, insieme alla comunità internazionale, è ancora impegnata a contrastare l'aggressione condotta dalla Federazione Russa al popolo ucraino. L'Italia è fermamente schierata per la difesa della sua libertà, integrità territoriale e indipendenza, perché non vi sia un futuro nel quale la forza del diritto viene sostituita dal diritto del più forte. Una ordinata comunità internazionale non può che basarsi sul rispetto di questi principi".

"Nel ricordo di quanti hanno donato la vita per difendere e diffondere questi valori, rivolgo il mio pensiero a tutti i caduti e alle loro famiglie. Il loro esempio ci è di guida e sollecita l'impegno per le giovani generazioni di soldati, marinai, avieri, carabinieri e finanzieri, per preservare e rafforzare per il futuro, nell'assolvimento del compito cui vengono chiamati dalle libere istituzioni, le condizioni di pace e benessere che abbiamo costruito" ha proseguito.

"In questo giorno di festa formulo a tutti gli appartenenti alle Forze Armate di ogni ordine e grado, con sentimenti di gratitudine per il servizio svolto, il più fervido augurio. Viva le Forze Armate, viva la Repubblica".

Meloni: "Patria è fare sacrifici insieme"

"Se noi non ricordiamo che quello che abbiamo qualcuno lo ha costruito, anche sacrificandosi per questo, allora non capiamo neanche il senso perché noi dovremmo fare dei sacrifici per chi verrà dopo di noi la comunità nazionale. La patria è questo: una dimensione di sacrifici che si compiono insieme, per chi l'ha fatto prima di noi e per noi che lo facciamo verso gli altri". Così il presidente del Consiglio Giorgia Meloni, parlando coi cronisti all'Altare della patria.

Meloni: "La pace non può essere scambiata per invasione"

"Niente che si chiami pace può essere scambiata per invasione. Non si può non considerare che c'e' un Paese aggredito e uno che ha aggredito e non si può non partire da questo presupposto". Lo ha detto il presidente del Consiglio Giorgia Meloni parlando della guerra in Ucraina attraversando via dei Fori Imperiali, a Roma, per raggiungere la tribuna dalla quale assisterà alla parata del 2 giugno.

TiscaliNews   
I più recenti
Ok Consob a prospetto informativo aumento capitale Fincantieri
Ok Consob a prospetto informativo aumento capitale Fincantieri
Incendio sulla collina dei Camaldoli a Napoli
Incendio sulla collina dei Camaldoli a Napoli
'E' posseduto da un demone', uomo tiene il figlio al guinzaglio
'E' posseduto da un demone', uomo tiene il figlio al guinzaglio
Canoista disperso nel Po nel Parmense, ricerche in corso
Canoista disperso nel Po nel Parmense, ricerche in corso
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...