Allarme terrorismo, la questura di Roma: "Rischio autobomba per Capodanno"

L'effetto-Berlino si fa sentire ancora e le autorità stanno predisponendo misure serrate di sicurezza, soprattutto nei luoghi di maggiore aggregazione

Allarme terrorismo, la questura di Roma: 'Rischio autobomba per Capodanno'
TiscaliNews

Dopo il Natale "blindato", anche i festeggiamenti per il Capodanno saranno all'insegna della vigilanza anti-terrorismo nelle città italiane. L'effetto-Berlino si fa sentire ancora e le autorità stanno predisponendo misure serrate di sicurezza, soprattutto nei luoghi di maggiore aggregazione e nei cosiddetti 'obiettivi sensibili'. Il Casa (Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo) resterà riunito in seduta permanente. Le grandi città saranno super sorvegliate: barriere all’ingresso delle piazze principali, blocchi di cemento per impedire l’ingresso dei mezzi pesanti nei centri storici e controlli a tappeto nei luoghi di maggiore affluenza con particolare attenzione non solo a quelli di culto ma alle aree scelte per le feste di piazza.

L’allarme foreign fighter

Il rischio di attentati nella notte del 31 dicembre  c'è ed è più che fondato. A segnalarlo è l'intelligence internazionale, che ha comunicato all'Italia che alcuni foreign fighter sarebbero in partenza o già nel nostro Paese per compiere atti terroristici. Gli attacchi potrebbero avvenire in qualsiasi modo e riguardare i luoghi più affollati, quelli dei festeggiamenti, presumibilmente nelle grandi città.

Allarme in tutta Italia

L'allerta è così alta che la questura di Roma ha inviato una nota interna con cui comunica “che è stata segnalata la pianificazione di iniziative che prevedono il rientro di foreign fighter in Europa”. La nota è stata diffusa alle questure di tutta Italia. Nella stessa si raccomanda pertanto di prestare la massima attenzione nel controllo del territorio: dai divieti di sosta fino ai cassonetti. Inoltre, viste le minacce al corpo della polizia in seguito all'uccisione da parte di due agenti, ora sotto scorta, dell'attentatore di Berlino Anis Amri, viene suggerito il controllo dei pacchi e plichi sospetti inviati via posta.

Il mistero delle auto rubate

A rendere il pericolo maggiormente concreto, oltretutto, c'è il fatto che nella notte tra il 18 e il 19 dicembre sono state rubate dal piazzale di una nota concessionaria romana 8 automobili, di marca Dacia e Renault e altrettante targhe. Una sottrazione in blocco di questo genere desta sospetti non di poco conto. E ancora di più  preoccupa  il furto di due taxi nella Capitale perché “in precedenti attentati compiuti in città europee sono stati utilizzati taxi come mezzi di trasporto”.

Sospesa l'ordinanza anti-botti del sindaco Virginia Raggi

In controtendenza il Tar a Roma ha sospeso l'ordinanza anti-botti del sindaco Virginia Raggi, un provvedimento dichiaratamente messo in atto proprio per motivi di sicurezza. Comitati per l'ordine e la sicurezza si svolgono in questi giorni nelle principali città, per definire le misure. Nella Capitale, già da prima di Natale, la polizia stradale ha potenziato i controlli sui tir in ingresso in città e il prefetto, Paola Basilone, ha deciso la regolamentazione degli "orari delle operazioni di carico e scarico merci". In generale, sono stati confermati i dispositivi di sicurezza del Giubileo, rinforzando una serie di obiettivi come i centri commerciali e i mercati.

Firenze, potenziata vigilanza a obbiettivi senzibili

A Firenze, il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica ha deciso il potenziamento della vigilanza agli obiettivi sensibili e nelle aree di maggior afflusso di persone. Alla luce di quanto accaduto a Berlino, il prefetto di Firenze Alessio Giuffrida ha anche annunciato "attenzione ai mezzi pesanti in circolazione nelle zone cittadine". 

Milano, concerto blindato

Per il 31 dicembre e il concerto di piazza Duomo arriva un giudizio positivo dal ministro dell'Interno. Lo ha riferito il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, alla fine del Comitato per la sicurezza in prefettura. Per il concertone di Capodanno con Mario Biondi e Annalisa ci saranno quindi "sette ingressi presidiati da uomini e da strutture" delle forze dell'ordine. Per Sala sul fronte sicurezza a Milano "dobbiamo continuare come stiamo facendo, non soltanto contro il terrorismo ma anche sulla criminalità e sui problemi dell'immigrazione, perché le cose si mischiano fra loro".

Torino di metal detector in piazza San Carlo

Controlli rafforzati la notte di Capodanno anche a Torino: per la prima volta l'accesso in piazza San Carlo, il salotto buono del capoluogo piemontese palcoscenico dello spettacolo di fine anno, sarà regolato con l'utilizzo di metal detector. Il dispositivo di sicurezza, messo a punto in questi giorni, prevede anche l'utilizzo di barriere anti-sfondamento. La presenza delle nuove Unità Operative con funzioni di antiterrorismo sarà rafforzata e al personale in divisa si aggiungeranno agenti in borghese.

A Napoli rafforzate le misure di sicurezza

A Napoli, sono state ulteriormente rafforzate le misure di sicurezza: più controlli, interdizione dell'accesso ai mezzi pesanti nel centro urbano, dislocazione di dissuasori nelle aree degli eventi. Oltre alle già predisposte misure di prevenzione e vigilanza degli obiettivi sensibili e all'intensificazione dei controlli all'aeroporto di Capodichino, al Porto, alla Stazione Centrale, fino all'8 gennaio 2017 scatterà il divieto di accesso ai mezzi pesanti nella Ztl urbana, fatta eccezione per i mezzi di soccorso, il trasporto di medicinali, di generi alimentari deperibili, di valori.

Potenza, divieto circolazione mezzi pesanti

Divieto di circolazione dei mezzi pesanti anche a Potenza, dalle ore 11 del 31 dicembre alle 8 dell'1 gennaio. La città ospiterà la trasmissione di Capodanno di Rai Uno "L'anno che verrà". Dispositivi antiterrorismo sono stati varati per i principali eventi di Capodanno a Rimini e in provincia; tra le misure, nei centri storici sono state posizionate barriere antisfondamento, per consentire comunque l'eventuale passaggio dei mezzi di soccorso ma evitare l'accesso ad altri veicoli. Infine, a Milano le misure saranno decise domani, nel corso della riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, al quale parteciperanno il ministro dell'Interno Marco Minniti e il sindaco Giuseppe Sala.

A Bologna: 600 agenti in piazza Maggiore

Bologna, tra sabato e domenica, verrà blindata. Lo schieramento di divise in funzione antiterrorismo è impressionante. A parlare sono i numeri delle forze dell’ordine e, non ultimi, quelli forniti da Palazzo d’Accurso, relativi alla polizia municipale. In strada ci saranno complessivamente tra i 550 e i 600 agenti (270 i vigili), oltre alle unità cinofile e ai gruppi speciali degli artificieri. L’intero centro storico sarà sotto la lente di «osservatori esperti di terrorismo», conferma una fonte che si occupa di intelligence. Si lavora soprattutto sulla prevenzione. Segnali di particolare allarme non pare ne siano arrivati. Tuttavia la paura di “cani sciolti” e singole “cellule dormienti”, che potenzialmente possono agire autonomamente, c’è ed è palpabile.