Tiscali.it
SEGUICI
cominandpartners

Google lancia BARD e sfida Microsoft nello sviluppo di chatbot. Ecco gli scenari e le prospettive dell’intelligenza artificiale

Il tanto atteso chatbot con intelligenza artificiale di Google, Bard, è arrivato. L'azienda lo ha presentato al pubblico martedì, e chiunque abbia un account Google può iscriversi alla lista d'attesa per ottenerne l'accesso. Anche se per ora si tratta di uno strumento indipendente, si prevede che in futuro Google inserisca parte di questa tecnologia in Google Search. La guerra delle IA è ufficialmente cominciata

Comin&Partnersdi Comin&Partners   
Google lancia BARD e sfida Microsoft nello sviluppo di chatbot. Ecco gli scenari e le prospettive...
Foto Shutterstock

La posta in gioco della competizione tra Google e Microsoft per dominare il mondo dell'intelligenza artificiale generativa è incredibilmente alta. Sono in molti, nella Silicon Valley, a vedere in queste tecnologie la prossima frontiera dell'informatica: una rivoluzione simile a quanto accaduto con l'invenzione del telefono cellulare, che ha rimodellato il modo in cui le persone comunicano.

Google ha investito pesantemente nella ricerca della sua IA per oltre un decennio. Microsoft, invece di realizzare propri modelli di intelligenza artificiale, ha dal canto suo investito molto nella startup OpenAI che ha rilasciato per prima il proprio chatbot BingGPT. Una prima mossa che non sembra aver spaventato Google, che ora è pronta a giocare al rialzo.

Le prime interazioni con Bard suggeriscono che il nuovo strumento di Google ha capacità simili a BingGPT di Windows. È utile per fare brainstorming su luoghi da visitare, cibi da mangiare o cose da scrivere. È meno utile per ottenere risposte affidabili e precise alle domande, poiché spesso suggerisce risposte inventate quando non è a conoscenza della risposta corretta.

La differenza principale tra Bard e BingGPT, tuttavia, è che il bot di Google è, secondo gli analisti, notevolmente più semplice in termini di utilizzo. E, probabilmente, questa scelta non è casuale. Microsoft ha adottato un approccio differente. Il lancio eclatante di BingGPT ha aperto un grande dibattito: gli strumenti di intelligenza artificiale sono pronti per entrare nelle nostre vite e nella nostra quotidianità?

Cosa accadrà in futuro?

Gli esperti hanno previsto che l'intelligenza artificiale in rete amplificherà l'efficacia umana, ma minaccerà anche l'autonomia. I computer potrebbero eguagliare o addirittura superare l'intelligenza e le capacità umane in compiti come il processo decisionale complesso, il ragionamento e l'apprendimento, l'analisi sofisticata e il riconoscimento dei modelli, l'acutezza visiva, il riconoscimento vocale e la traduzione linguistica.

Molti esperti dicono che i sistemi "intelligenti" nelle comunità, nei veicoli, negli edifici e nelle utility, nelle aziende agricole e nei processi aziendali faranno risparmiare tempo, denaro e vite umane, e offriranno agli individui l'opportunità di godere di un futuro più personalizzato. Ma il futuro è ancora tutto da scrivere.

Una delle aree di sviluppo più significative dell'intelligenza artificiale è il campo dell'apprendimento automatico, che consente alle macchine di migliorare le loro prestazioni senza essere esplicitamente programmate per questo. Gli algoritmi di apprendimento automatico sono utilizzati in una varietà di applicazioni, tra cui il riconoscimento delle immagini e quelle per, l'elaborazione del linguaggio naturale e l'analisi predittiva. Questi algoritmi hanno registrato miglioramenti significativi negli ultimi anni, grazie alla disponibilità di grandi quantità di dati e ai progressi nella potenza di calcolo.

L'apprendimento profondo, un sottocampo dell’apprendimento automatico, ha avuto, tra tutte le possibili applicazioni, un particolare successo negli ultimi anni. Questa tecnologia utilizza le reti neurali artificiali, anche chiamate RNA, per modellare dati complessi. Le RNA sono costituite da strati di nodi interconnessi, che consentono loro di apprendere e migliorare le proprie prestazioni attraverso l'addestramento.

Un'altra area di sviluppo dell'intelligenza artificiale è quella della robotica e dei sistemi autonomi. Questi sono progettati per eseguire compiti senza l'intervento umano e vengono utilizzati in diversi settori, tra cui quello manifatturiero, dei trasporti e della sanità. I progressi nella tecnologia dei sensori, nella visione computerizzata e nell'apprendimento automatico hanno permesso ai robot di comprendere meglio e di interagire con l’ambiente che li circonda, migliorando le loro prestazioni e la loro affidabilità.

Negli ultimi anni, c'è stato anche un aumento significativo dell'uso dell'intelligenza artificiale nel settore sanitario. I sistemi di IA vengono utilizzati per analizzare le immagini mediche e migliorare l'accuratezza diagnostica, oltre che per assistere nello sviluppo di nuovi farmaci. Questi mezzi sono utilizzati anche per migliorare l'efficienza degli studi clinici e per analizzare grandi quantità di dati dei pazienti, identificando i modelli e migliorando i risultati del trattamento.

Nonostante i progressi significativi che sono stati fatti nel campo dell’intelligenza artificiale, ci sono ancora molte sfide che devono essere affrontate. Una delle più grandi è la mancanza di interpretabilità di molti modelli, che rende difficile capire come l’IA prenda le sue decisioni.

In conclusione, lo sviluppo dell'intelligenza artificiale è giunto a un punto di progressivo sviluppo, in cui questa tecnologia viene integrata in un'ampia gamma di settori e applicazioni, con il potenziale di migliorare notevolmente l'efficienza e la produttività. Aumentando però i rischi connessi alla sua applicazione.

Sono ancora molte le sfide da affrontare in questo campo. ma crediamo, con razionale cognizione e speranza, che la ricerca e lo sviluppo non debbano mai venire meno, per garantire il successo continuo e l'uso responsabile di queste tecnologie. Un cammino, quello delle IA, chiamato a cambiare le sorti del mondo intero.

Comin&Partnersdi Comin&Partners   
I più recenti
Boom del turismo 2023 in Italia: la Puglia protagonista con il Salone Nautico e la sostenibilit...
Boom del turismo 2023 in Italia: la Puglia protagonista con il Salone Nautico e la sostenibilit...
La crescita delle energie rinnovabili nel 2023 promette nuovi record e una svolta verso un futuro...
La crescita delle energie rinnovabili nel 2023 promette nuovi record e una svolta verso un futuro...
Svelare l'invisibile: come identificare i contenuti creati dall'Intelligenza artificiale. Le...
Svelare l'invisibile: come identificare i contenuti creati dall'Intelligenza artificiale. Le...
God Save the King: l’impatto mediatico dell’incoronazione di Re Carlo III
God Save the King: l’impatto mediatico dell’incoronazione di Re Carlo III
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...