A Pianosa dove i detenuti lavorano per accogliere i turisti

Informazioni sul video

Pubblicato il 19/08/12

Pianosa, (TMNews) - Un insolito benvenuto attende i turisti che arrivano sull'isola di Pianosa. Su questo isolotto al largo del Tirreno, alcuni detenuti del carcere della vicina isola d'Elba si occupano della gestione di un albergo e del ristorante attiguo. Filippo è uno dei cinque detenuti abilitati a questa attività. Ogni mattina ha il compito di riassettare le stanze.

"Molti hanno dei pregiudizi ed è giusto che li abbiano - dice - ma si cerca di fargli cambiare idea: un detenuto è vero, ha sbagliato però siamo esseri umani, si sbaglia tutti nella vita".

A coordinare il progetto è la cooperativa San Giacomo. Il presidente Brunello De Batte.

"Negli anni ho visto una maturazione e una assunzione di responsabilità diversa rispetto a quando sono arrivati qui".

Fino al 1998 Pianosa ospitava un carcere di massima sicurezza. Oggi, ironia della sorte, i detenuti arrivano sull'isola per trovare un riscatto sociale. E l'idea sembra apprezzata dai turisti.

E' una cosa positiva che permette loro di potersi integrare in modo meno traumatico".

Ma non è una strada tutta in discesa. La crisi ha ridotto le esenzioni fiscali e il turismo ha subito un rallentamento. Eppure la cooperativa di San Giacomo non si arrende: il prossimo obiettivo è offrire a questi detenuti dei corsi di formazione per rendere più facile il ritorno nella società.

(Immagini Afp)



Embed:
 




© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali