Honduras, bruciate le pinne di 120 squali: "Contro bracconaggio"

Informazioni sul video

Pubblicato il 02/06/12

Tegucigalpa (TMNews) - Oltre 120 pinne di squali sono state bruciate a Tegucigalpa, in Honduras, dopo essere state sequestrate. La scelta di distruggere le pinne è stata presa direttamente dal presidente Porfirio Lobo che ha messo in scena un atto simbolico in difesa della specie. Il governo honduregno, infatti, aveva creato un santuario nel giugno 2011 dedicato agli squali, per proteggerli dalla caccia massiccia per essere poi venduti sul mercato asiatico per le loro proprietà curative.

"Ribadiamo il nostro impegno affinchè la caccia agli squali venga definitivamente interrotta", ha sottolineato Lobo durante la cerimonia a Fuerza Naval, a sud della capitale. All'iniziativa hanno partecipato autorità ambientaliste e rappresentanti di organizzazioni ecologiche mondiali. Il cileno Massimiliano Bello, a capo di un movimento ambientalista, ha sottolineato che l'uccisione massiccia di squali è un'aggressione che sta colpendo la specie in tutto il mondo.

Immagini: Afp



Embed:
 




© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali