Napoli, portinaio si suicida dopo essere stato licenziato

Video correlati

Informazioni sul video

Pubblicato il 30/04/12

Napoli (TMNews) - Sono increduli e senza parole i vicini e gli amici del portinaio 57enne che il 30 aprile 2012 si è tolto la vita a Napoli dopo aver ricevuto una lettera di licenziamento, perdendo casa e lavoro. Prima di impiccarsi nel piccolo appartamento di Corso Garibaldi in cui viveva, di proprietà di un'agenzia immobiliare, l'uomo avrebbe telefonato ai figli che vivono a Milano con la ex moglie da cui si era separato dicendo: "Dite alla mamma che non potrò più passarle l'assegno". Chi lo conosceva dice che da tempo soffriva di crisi depressive. Una personalità fragile, dunque, già provata da vicissitudini personali a cui la crisi e il licenziamento dal posto di lavoro, la sua unica ancora di salvezza, hanno dato il colpo finale.



Embed:
 




© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali