Antonella Clerici "vince" la Lotteria Italia, sarà La prova del cuoco a far sobbollire i sogni di ricchezza degli italiani

di Mariano Sabatini

Sarebbe un errore liquidare con sufficienza il fenomeno della Prova del cuoco e collocare il programma sbrigativamente tra le offerte della tv d’evasione. È di queste ore la notizia che la storica Lotteria Italia sarà abbinata allo show culinario di Rai1 condotto da Antonella Clerici. A quanto si apprende da un lancio dell’Ansa ci sarebbe il via libera dei Monopoli di Stato alla proposta della Rai: non è una novità di poco conto, soprattutto se si considera che finora la celeberrima riffa è stata associata ai grandi show tutti lustrini e ospitoni del sabato sera, Fantastico, Carràmba e altri. Ciò significa che, nel tentativo di rilanciarsi, la Lotteria Italia punta su un pubblico nuovo, in prevalenza di casalinghe e pensionati, che però tengono in casa – in virtù degli assetti societari che mutano – i cordoni della borsa. E sono loro a sognare per la famiglia vincite capaci di sovvertirne le sorti.


Quale location migliore della cucina di Antonellona per far sobbollire i sogni di ricchezza degli italiani? Tra forni, fornelli, pentole e casseruole, La prova del cuoco saprà preparare, cucinare, tenere in caldo e poi, al momento opportuno, spadellare alla grande la voglia di cambiare vita dei telespettatori che decidano di affidarsi ai capricci della fortuna.


La grande cucina della Prova del cuoco è diventato negli anni un antro delle meraviglie, non solo mangerecce. Tra canzoncine, sorrisi, lezioni pratiche di stellati chef, consigli, opinioni di esperti e ricette di graduata difficoltà, oltre a garantire una quotidiana festa per gli occhi e gusto, mette al riparo da talk show ad alto tasso di rissosità e/o banalità e dalla pericolosa sbornia criminologica in cui la tv sembra precipitata. La Prova del cuoco è uno dei clamorosi esempi di come il servizio pubblico possa (e alcuni irriducibili pensano che debba) fare intrattenimento non disgiunto da contenuti popolari, ancorché veicolati in modo credibile da testimonial la cui professionalità non viene intaccata dal contesto giocoso.  In anni di permanenza in onda, il programma ha contribuito a far nascere neologismi (ad esempio, “spatasciare” quando si debba riversare una crema o un composto in una sola volta, “puccino” ad indicare un godurioso fondo di cottura) e può vantare innumerevoli tentativi di imitazione; compresa La notte degli chef di Alfonso Signorini per Canale 5.


Inimitabile è invece la Clerici, per l’esuberante fisicità connaturata al format culinario, e ne sa qualcosa Elisa Isoardi che l’ha sostituita per qualche tempo; quando l’allora direttore di Rai1, Fabrizio Del Noce, aveva pensato malignamente di approfittare della gravidanza di Antonella per farle le scarpe. È la presenza della Clerici a fare la differenza, a trasformare ogni trasmissione in un happening in virtù del buon umore genuino che sa comunicare. Ci ha messo un po’ ma è riuscita a riprendere il suo posto, più entusiasta che pria. Si parla di lei per la conduzione del prossimo Sanremo accanto a Gianni Morandi e intanto si prepara a vestire i panni della dea della fortuna. Senza dubbio, una figura di donna così materna,  serena e divertita dal ruolo di pubblica nutrice, è la più indicata per indurre gli italiani ad acquistare i biglietti della Lotteria e a farsi




05 agosto 2011
 
Diventa fan di Tiscali su Facebook
 
 
  

Segui Tiscali su:

© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali