Camera dei deputati, all'esame la proposta di legge contro i furti di rame

L’appuntamento è per oggi alla Camera dei deputati, dove all’ordine del giorno c’è l’esame della nuova proposta di legge, a prima firma Giuseppe Lauricella (PD), sul furto di rame e di altro materiale che viene sottratto a infrastrutture pubbliche. Un fenomeno esploso negli ultimi anni e che ha visto al centro delle ruberie linee elettriche, stazioni ferroviarie e persino i cimiteri.

NUOVO REATO. Con questa proposta, verrebbe inserito nel codice penale un nuovo articolo (624-ter), che renderebbe il furto di rame autonoma fattispecie di reato. La nuova norma punirebbe con la reclusione da 1 a 6 anni e con la multa da 1000 a 5000 euro chiunque si impossessi di componenti metalliche o di altro materiale appartenente a infrastrutture destinate all'erogazione di energia, di servizi di trasporto, di telecomunicazioni o di altri servizi pubblici e gestite da soggetti pubblici o da privati in regime di concessione pubblica.

ASSOCIAZIONE A DELINQUERE. Tenendo conto degli innumerevoli episodi di cronaca registrati negli ultimi anni, che hanno visto vere e proprie "bande" dedite a questo tipo di reato, viene introdotta la fattispecie associativa del delitto di furto e ricettazione di materiali sottratti ad infrastrutture energetiche e di comunicazione punita con la reclusione da 3 a 8 anni. La nuova norma verrà inserita nell’articolo 416 del codice penale che punisce proprio l’associazione per delinquere.

COMPETENZA E ARRESTO IN FLAGRANZA. La proposta Lauricella interviene, poi, su due articoli del codice di procedura penale (art. 51 e 380 c.p.p.). Il primo punta ad attribuire alla competenza della procura distrettuale le indagini per il delitto di associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione e al furto di materiale appartenente ad infrastrutture pubbliche. Il secondo ha, invece, come obiettivo quello di inserire il nuovo reato tra i delitti per i quali gli ufficiali e agenti di polizia giudiziaria devono obbligatoriamente procedere all'arresto in flagranza.

Con la speranza di porre un freno all’esplosione di questi furti.