Scacciare i mercanti dal Tempio? E' stato difficile anche per Gesù

di Pierluigi Zanata

‘’Questi politici che stanno al governo e al parlamento sono mercanti che insozzano il Tempio della politica. Bisogna cacciarli via così come Gesù ha cacciato i mercanti dal Tempio di Gerusalemme’’. Cosi’ don Andrea Gallo, il prete da marciapiede, 83 anni appena compiti, in una intervista a Pino Nicotri, di Blitz Quotidiano. Ma  veramente don Gallo crede che se Gesu’ tornasse in terra riuscirebbe a scacciare i mercanti dal Tempio?.


 Mi sono sempre chiesto cosa accadrebbe se Gesù tornasse sulla terra. Alla mia domanda  ha dato una risposta  il giornalista Giovanni De Nava, nonno di mia moglie, socialista, anticlericale, antifascista, direttore del quotidiano satirico "L’ Asino’’, chiuso nel 1925 da Mussolini,  il quale, più di cento anni fa,  nel 1905,  ha scritto un racconto ‘’Il matto’’, pubblicato nel volume ‘’Per servire il Re… bozzetti sociali’’, edito dalla Libreria Moderna di Genova. L’ autore immagina che il Natale del 1905 Gesu’ torni sulla terra , a Roma, e resti meravigliato dei mutamenti, soprattutto del fatto che gli uomini facciano la guerra e uccidano altri uomini, che siano ancora ‘’nemici fra loro… e che abbiano inventato i cannoni che ne ammazzano molti…’’.


Entra in San Pietro: E dire – mormora – che io l’ avevo preso per un tempio pagano; dove si pregherà, qui? E gira ancora … . Ad un tratto, da sotto uno dei grandi archi, giungono dei mormorii confusi. Gesù si volge e vede una lunga schiera di chierici e preti e canonici e cardinali che avanzano; in mezzo è una portantina che vien deposta su, sotto la grande navata di centro; dietro la portantina due chierici agitano delle grandi penne bianche di struzzo.


- Tò – dice – ancora c’ è Cesare a Roma! Glielo voglio raccontare a Paolo di Tarso … chi sa che non trovi qualche altro Ilicio o Epafrodito .. .


E Scappa.


Lungo il Tevere ammira i grandi palazzi della Banca d’ Italia: - Meno Male, la gente almeno ha un bello e sicuro tetto!


Nei vicoli dell’ Orso, delle Vecchiarelle e del Lupo gli si presenta un insieme di dolore, di fame , di miseria protetto da madonne e santi incastonati negli spigoli delle case.


In piazza Farnese la splendida carrozza del cardinale Mery del Val quasi lo investe, Ah! …- penso’ Gesù – andra al vicolo del Lupo per portare sollievo a quella povera gente! E seguì collo sguardo la carrozza.


La carrozza si fermò avanti ad un suntuoso palazzo verso il fondo della piazza!


[…]


Padre –dice – in terra vi e’ chi mangia e chi digiuna, chi ha un tetto e chi non ne ha; vi sono ricchi e poveri, uomini che si odiano, che si uccidono, i Cesari cacciati dal Palatino, annidati nella chiesa di Pietro; c’ e’ la casa dei Re e il vicolo delle Vecchiarelle! – Ed alzando le mani verso il cielo ripetè il verso di Enhoc che aveva lanciato diciannove secoli  prima contro i ricchi di allora: ‘’Maledetti voi ricchi che fabbricate i vostri palazzi col sangue dei poveri: è un peccato ogni pietra di cui essi si compongono.’’


Cosa, cosa? – e due poliziotti di piantone si avventano su Gesù.


I  poliziotti legano Gesù e lo depongono in una carrozza alzandolo di peso.


Montano anche loro mentre il vetturino alza il soffietto e poi : - Alla ‘Lungara’ (dove c’ era un antico carcere romano, ndr) – gridano.


A Gesù corse un brivido per le ossa e mormorò rivolgendosi al Padre:


Oh perché padre, mi faceste bere il calice della Passione?




29 luglio 2011
 
Diventa fan di Tiscali su Facebook
 
 
  
Tiscali Socialnews
Per accedere clicca qui

Segui Tiscali su:

© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali