Berlusconeide. Visto Caimano in ri-emersione dalla palude, preoccupazione nel centro-destra ecc. Che recita è ?

di Oliviero Beha

Non sono tra quelli che si strappano o si strapperanno i capelli perché Berlusconi è "ridisceso in campo", dopo aver negato a spada tratta di volerlo fare fino a ieri. Sul piano della comunicazione ovviamente non sono stupito, e questa mancanza di stupore l'ho descritta e spiegata qui e nei miei libri tante volte nella lunga stagione politica berlusconiana. Il Priapo di Arcore dice moltissime bugie ma anche alcune verità, al contrario della maggior parte dei suoi avversari che mischiano tutto in un oceano di ipocrisie, dalla doppia verità togliattiana in poi. E soprattutto il Caimano mostra in tutti i suoi atteggiamenti quello che è e di solito anche quello che vuole: ossia in sostanza difendere i suoi interessi privati e di cerchia. Lo dice in tutte le maniere ovviamente non in pubblico, a parole, ma di sicuro nei comportamenti. Nella sua "disonestà", virgolettata per far uscire il concetto dai Tribunali dai quali di solito il Nostro evade prescritto, Berlusconi insomma è "onesto" (qui le virgolette hanno un altro significato...).


Una settimana fa alle due del pomeriggio mentre l'Italia si sfaceva, ad esempio Silvio che va verso i 76 faceva jogging camminato a Villa Ada, a Roma, con scorta incorporata. Era esibizionismo? No, non c'era quasi nessuno ... Era cura maniacale del corpo? No, o solo in parte, non c'è davvero bisogno di andare lì specie per uno come lui. E allora? Credo fosse o sia una finalizzazione del suo modo di essere, stava dicendo fisicamente a se stesso "adesso torno e gli faccio vedere io"... Non che se ne sia mai andato davvero, per carità, anche perché altrimenti avrebbe ramazzato tutto il possibile e nel tripudio dei suoi concorrenti di destra e di sinistra, di sopra e di sotto, avrebbe raggiunto le Bermude o qualche triangolo femminile ad esse collegato. Ma insomma lui che si ricandida Premier non è esattamente una notiziola, perlomeno in un Paese come il nostro che vive da un ventennio una Berlusconeide infinita.


E mi pare assolutamente grottesco che la salute dell'Italia dipenda - come in una recita di una qualche filodrammatica - dai mercati finanziari che salgono o scendono secondo le notizie "calcistizzate" della nostra politica: lo "spread" precipita da un pezzo e oggi l'alibi sarebbe il ritorno del Nostro,  la notizia del Caimano riemerso a pelo di palude? Ma via, davvero ci stanno prendendo per i fondelli. O non è vero che funzioni così, e allora è tutta una furbata con o senza Berlusconi al proscenio, oppure è vero ma allora tutto il congegno finanziario ci porterà comunque alla rovina, ai soliti ricchi sempre più ricchi (Silviuccio e i suoi pari, e dispari) e gli altri sempre più numerosi e sempre più poveri. Berlusconi ha tantissime colpe, ma addossargli anche questa sorta di aggiotaggio internazionale mi pare truffaldino (nei nostri confronti, e di voi che leggete, qualunque idea politica abbiate o vi sia rimasta).


Ma non vi ho ancora detto perché, oltre a non stupirmi, il Priapo in rinnovellata eccitazione politica non mi spaventa, e anzi mi sembra quasi una buona notizia. Semplicemente la penso così perché un Berlusconi ancora una volta visibilissimo è la dimostrazione del principio di realtà. Nessuna filosofia, in tempi accaldati in cui sembra che nessuno si voglia sforzare un pochino ... Intendo dire che Berlusconi in campo è qualcosa di reale, può piacere o no ma almeno si è costretti a decidere se lo si vuole di nuovo oppure ha già fatto abbastanza danni. E una forma di "verità" nella politica circostante commissariata per ragioni di salute (che manca). Costringe il centrosinistra a temere comunque il peggio e a dare il suo meglio, se ne ha. Mobilita il Movimento 5 Stelle ancora di più. Spariglia il centro-destra, inesistente senza il suo boss almeno all'apparenza ecc. ecc. E gli italiani, se davvero il Berlusca alla fine farà quello che ha detto e guizzerà ancora "a figura intera" a fior di palude, ci diranno nelle urne di quale morte vogliono morire. Sarà una dimostrazione di realismo, di quel principio di realtà di cui sopra, comunque vada. Per questo, solo per questo, non mi dispero ...

- Nella foto ©  lapresse / ap, Silvio Berlusconi




13 luglio 2012
 
Diventa fan di Tiscali su Facebook
 
 
  

Segui Tiscali su:

© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali