Spazio, Battiston: in 10 anni sistema di trasporto riutilizzabile

askanews

Colleferro (RM), (askanews) - Per l'industria aerospaziale europea la prossima sfida - a cui si sta già lavorando - sarà riuscire a mettere a punto un sistema di trasporto riutilizzabile, una navicella in grado di portare dei carichi nello spazio e tornare integra sulla Terra. Lo ha spiegato il presidente dell'Agenzia spaziale italiana, Roberto Battiston."Stiamo sviluppando - ha detto Battiston a margine di una visita agli stabilimenti Avio - anche il discorso dello Space Rider, quindi una navicella tipo l'Ixv che, ricorderete, ha viaggiato nello spazio nel 2015 e poi è rientrata ammarando nell'Oceano indiano, per renderla in grado di riatterrare sulla Terra e dare così uno strumento all'Europa per poter operare nello spazio dei payload per settimane o mesi e riportarli sulla Terra, aprendo quello che io chiamo l'industria manifatturiera nello spazio, cioè sfruttare le condizioni spaziali per processi chimici o fisici, per sviluppare delle cose e riportarle a Terra con caratteristiche che non possono essere ottenute a Terra. Cioè fare quello che facciamo sulla Stazione Spaziale Intenazionale a un costo molto più basso e per applicazioni di interesse industriale. Il caso di business esiste, l'abbiamo studiato, sappiamo che può funzionare e ci stiamo attrezzando nei prossimi dieci anni per rendere questo sogno realtà".