Nello Spazio il satellite Sentinel 2B del programma Copernicus

askanews

Kourou (askanews) - Potrebbe essere considerata una videocamera super tecnologica in grado di monitorare, minuto per minuto, lo stato di salute delle aree verdi del nostro pianeta; il satellite dell'Esa, Sentinel 2B, del programma Copernicus è stato messo in orbita regolarmente, a 786 Km di altezza, nella notte tra il 6 e il 7 marzo 2017, dal lanciatore italiano Vega, partito dallo spazioporto europeo dell'Esa a Kourou, in Guiana Francese.Si è trattato del nono lancio di successo consecutivo per il piccolo razzo italiano, costruito dalle industrie Avio di Colleferro, alle porte di Roma. Il commento dell'Ad dell'azienda, Giulio Ranzo."Sempre più la vita di tutti noi sarà facilitata dai servizi operati dallo Spazio - ha commentato - e quella dei lanciatori è la tecnologia abilitante per poter mettere in orbita i satelliti. Avio offre accesso allo Spazio e consente all'Italia di far parte del ristretto numero di Paesi al mondo con capacità autonoma di realizzazione di un lanciatore spaziale completo. Una caratteristica cruciale per avere successo nella Space economy".Il nuovo satellite, gemello del Sentinel 2A, messo in orbita nel maggio 2015, è già all'opera per realizzare immagini ottiche ad alta risoluzione della vegetazione e del territorio e per raccogliere informazioni sull'inquinamento dei laghi e dei mari, nonché dati che potrebbero rivelarsi essenziali in caso di emergenze.