Un po' di Italia nel primo test supersonico di Virgin Galactic

Codice da incorporare:
di Askanews

New York (askanews) - La compagnia aerospaziale privata Virgin Galactic del miliardario Richard Branson ha concluso nei primi giorni di aprile 2018 il primo test supersonico della navetta suborbitale Unity dopo l'incidente mortale del 31 ottobre del 2014, in cui perse la vita il copilota Michael Alsbury.Unity, rilasciata a 15mila metri di quota dall'aereo madre WhiteKnightTwo nei cieli dello spazioporto nel deserto del Mojave, in California, ha acceso il motore per 30 secondi accelerando fino alla velocità di Mach 1.6, quindi superando la barriera del suono e raggiungendo un'altitudine di 25.686 metri.Un importante passo avanti verso i primi voli turistici suborbitali che parla anche un po' italiano. Ai comandi di WhiteKnightTwo, che ha portato in quota la navetta Unity, infatti, c'era il pilota collaudatore italiano Nicola Pecile, ex pilota sperimentatore dell'Aeronautica Militare che in futuro, effettuerà anche dei test di volo sulla navetta Unity.Non solo, grazie a i recenti accordi con Altec e Agenzia spaziale italiana (Asi) l'Italia avrà un ruolo di primo piano nello sviluppo della cosiddetta Space economy, con un proprio spazioporto e con l'utilizzo, da parte dell'Asi, dei veicoli Virgin per missioni suborbitali e invio di satelliti nello Spazio.L'obiettivo di Richard Branson è iniziare a portare i turisti nello Spazio entro pochi anni. Al costo di circa 250mila dollari, un volo suborbitale porta i turisti a un'altitudine di quasi 110 chilometri, quindi oltre la cosiddetta "Linea di Karman" che segna il limite convenzionale tra la Terra e lo Spazio. Da lì gli astro-turisti per qualche minuto potranno sperimentare la microgravità e osservare la Terra dallo Spazio, prima di tornare in volo planato sull'aeroporto di partenza.La divisione Orbit di Virgin Galactic, invece, avrà l'obiettivo di mettere in orbita dei veri e propri satelliti. Di recente Branson ha ricevuto un finanziamento dall'Arabia saudita di un miliardo di dollari.