Spazio, all'asta la sacca per i campioni lunari dell'Apollo 11

Codice da incorporare:
di Askanews

Houston (askanews) - 20 luglio 1969, ore 20.18 del meridiano di Greenwich, l'uomo conquista la Luna. L'equipaggio della missione Apollo 11, composto dal comandante, Neil Armstrong, dal pilota del Lem, il modulo d'atterraggio, Buzz Aldrin e dal pilota del modulo di comando, Michael Collins compie il primo allunaggio della storia; sei ore dopo Armstrong, sbarcando sul suolo lunare dirà la famosa frase: "Un piccolo passo per l'uomo, un grande balzo per l'umanità".Nel 48esimo anniversario di quell'evento che ha cambiato la storia, la casa d'aste Sotheby's a New York ha messo in vendita alcune memorabilia spaziali, tra esse la sacca utilizzata da Neil Armstrong per raccogliere i primi campioni di suolo lunare poi trasportati sulla Terra, valutata oltre 4 milioni di euro."Tutto il resto è al museo Smithsonian - spiega Cassandra Hatton di Sotheby's - questo è l'unico reperto, non inventariato per un errore, finito nelle mani di un privato, quindi è una cosa assolutamente rara anche in termini storici, pensate: qualcosa che è stata usata dal primo uomo sulla Luna, nella prima missione lunare, per raccogliere i primi campioni... È a dir poco straordinario".La sacca era stata offerta da personale della Nasa a un collezionista del Kansas che poi fu arrestato e condannato per furto, frode e riciclaggio. Finì all'asta e fu acquistata per un prezzo molto basso, meno di mille dollari, perché si credeva fosse una semplice borsa, ma l'attuale proprietaria capì che aveva in mano qualcosa d'importante quando, esaminandola bene, intravide delle tracce di polvere nera che una volta esaminata si rivelò essere polvere lunare.Armstrong raccolse campioni da 5 diversi siti sulla Luna. La borsa - finita al centro di un'aspra contesa tra i proprietari la Nasa - è stata comunque "decontaminata" per minimizzare eventuali danni che i residui di polvere lunare potrebbero causare.Una curiosità: durante la discesa del Lem sulla Luna, Collins scattò questa foto straordinaria che ritrae, di fatto, tutta l'umanità tranne un uomo: l'autore stesso della foto.